Altro giro di antibiotici

Purtroppo i primi antibiotici non hanno dato risultati. La polmonite non è peggiorata ma nemmeno migliorata. Ieri quindi, dopo la lastra di controllo, altra prescrizione, 2 antibiotici da prendere insieme. Se avranno effetto dovrei accorgermente già in pochi giorni, ma di certo altri 10 giorni di antibiotici non me li cava nessuno. Per chi fosse curioso di sapere quali medicinali mi hanno prescritto, il primo tentativo era stato con il Tavanic e Medrol (primo antibiotico secondo cortisonico) mentre ora prenderò Amoxicillin e Romyk (due antibiotici). E così anche metà Ottobre se ne andrà in riposo quasi totale. A questo punto, oltre a sperare che questi antibiotici facciano effetto, sicuramente potrò fare ben poco per la forma fisica prima di fine Ottobre. Nel frattempo mi sono sollazzato comprandomi un libro sul nuoto, avrò bisogno di migliorare di molto la tecnica, che a quanto pare conta il 70% contro il 30% della forma fisica. Il titolo è “Total Immersion” ed insegna qualche interessante principio per andare il doppio con la metà della fatica, interessante no? Nel frattempo sono almeno riuscito a spostare di 2 mesi l’inizio del pagamento della palestra, qui vicino a casa, con piscina annessa, motivo per cui avevo scelto di iscrivermi. Almeno hanno accettato un certificato medico, ed ho evitato di buttare i soldi per Settembre ed Ottobre.

In attesa di recuperare con una gran voglia di riiniziare

Intanto la Polmonite. Onestamente non so come va. Non mi sono mai sentito veramente male, anche se mi pare di stare meglio. Lunedì scorso ho finito i 10 giorni di antibiotici e la prossima settimana farò un’altra lastra per vedere i progressi. Anche la tosse migliora, anche se ogni tanto ancora da fastidio e mi tiene sveglio la notte, e peggio ancora tiene sveglia anche la Rosi. Nel frattempo visto che piove sempre sul bagnato mi sono fatto una visita per un mal di denti, servirà un piccolo interventino, per una leggera infezione alla base di un dente devitalizzato almeno 10 anni fa. Però dovrò aspettare di stare un pò meglio con la polmonite, si spera la settimana prossima. Fortunatamente il dolore è leggero e a volte proprio non c’è. Era però ora di fare una visita dal dentista, mancavo da troppo. A quanto pare dopo questo primo dente, dovrò sistemare 3 vecchie otturazioni che iniziano a scricchiolare. Cosa curiosa il dentista mi ha detto che queste vecchie otturazioni sono così velenose che difficilmente batteri si sviluppano, semplicemente con gli anni si sgretolano. Quindi meglio rifarle finchè non mi ingoio pezzi di sostanze tossiche varie.
Per il resto tutto ok, a parte che ovviamente sono fermo ancora, ed oramai siamo a un mese di praticamente zero attività. Nota positiva, la forma non può peggiorare, quindi partirei da zero oggi, probabilmente ripartirò da zero, spero, fra 10 giorni. Ovviamente con cautela, inizialmente ci dovrò andare piano e stare riguardato. Diciamo che spero di poter essere 100% fra 2-3 settimane, e spero che la lastra della prossima settimana confermi il miglioramento.
Per ora solo voglia di sudare, facendo sport. E voglia di pianificare, sono iscritto ai Comrades, 89km in Sudafrica a fine Maggio 2011 e all’Ironman di Regensburg, 7 Agosto 2011 in Germania. Per il resto finchè non metto dentro un mese di allenamenti, inutile pensarci. Spero solo di poter fare una maratona a febbraio, la Strasimeno a Marzo (ottimo allenamento da 58km) e mi sta passando per la testa di non andare, per la prima volta dopo 5 anni, a Connemara, ma fare la maratona di Rotterdam. Anche la Ultra a Connemara sarebbe un ottimo allenamento, ma l’anno scorso ho avuto la mezza sensazione di non averla smaltita bene, perdendo un pò di brillantezza negli allenamenti a seguire. Secondo motivo, la voglia di fare una maratona veloce è tanta, e visto che ora sono ancora a zero, Aprile potrebbe essere il primo periodo veramente buono per una maratona tutta.

E per concludere, visto che qua non ci si allena, non si fatica e si deperisce, una canzone nuova nuova, Linking Park con The Catalyst:

Finalmente si é capito, era polmonite

Ci sono volute settimane, fra alti e bassi, e diverse visite in cui non veniva fuori niente. Una polmonite non auscultabile. Ultima visita venerdí, con il dottore che non sente niente con lo stetoscopio, ma sapendo che ci andavo dietro da tempo, mi ha fatto fare una lastra urgente, al torace. Da quella é venuto fuori immediatamente, polmonite!!! Quindi, kit di medicinali e saranno antibiotici e non solo, per 10 giorni. Ovviamente la pausa dallo sport continuerá per un altro paio di settimane, a stó punto spero solo che gli antibiotici si facciano sentire e che giá in qualche giorno portino ad un miglioramento.
Ironia della sorte, ebbi i primi fastidi poco dopo l’iscrizione all’Ironman di Regensburg (Agosto 2011), mentre giovedí mi ero iscritto ai Comrades 2011 (iscrizioni che stanno andando via in fretta) e venerdí ho avuto la diagnosi della polmonite. Fortunatamente mancano 251 e 321 giorni alle due gare, avró tempo per recuperare.
Per ora mi consolo riposando, e ascoltando un pó di musica, spero 4/5 settimane di poter riiniziare a correre con questa canzone in sottofondo:

Ancora ai box, non se ne puó piú

Dopo 2 settimane con 9 giorni di attivitá, uno saltato, 4 ancora di attivitá, pit stop inaspettato. La settimana scorsa, ero ancora a Dublino e mi é esploso un raffreddore con tanto di tosse e per 2 giorni la febbre. Mi ero ripreso, giusto domenica stavo meglio per rientrare poi, il lunedí, a Monaco. Se non che martedí mi sveglio con un dolore che parte dal gluteo sinistro, fino alla parte bassa della schiena. Sembra esattamente come un nervo infiammato, mi fa venire in mente quando ebbi la sciatica, ma questo é meno laterale.
Parte dalla zona che tante volte mi ha dato problemi negli ultimi 12 mesi, ma non so se la cosa é correlata, oppure se é stato solo qualche movimento nel letto.
Fatto stá che la tosse migliorava, ma sto fastidio mi fa camminare zoppo. Ieri ho provato 30 minuti di cyclette, e per quanto paia strano ho fatto fatica a salire sulla bici per l’indolezimento ma poi a pedalare non avevo problemi.
Se non che alla sera mi é tornata un pó di febbre, insomma, non se ne puó piú.
Guarda caso che proprio martedí ero andato nella palestra qui vicino a casa, e mi sono deciso ad iscrivermi per 6 mesi. Un investimento che sará utile, visto che la palestra é fornitissima ed include anche la piscina (non che sauna e bagno turco che come optional sono sempre valide). Quindi fra corsa e bici a casa, bici da spinning, cyclette, treadmill e piscina in palestra, per 6 mesi avró tutto quanto mi serve per darci dentro piú che posso.
Se solo mi sparisce questa infiammazione alla schiena e se la tosse sparisce definitivamente, portandosi dietro anche queste piccole puntatine di febbre.
Non so se il tutto é correlato al problemino ai polmoni di oramai quasi un mese fa. Ma se stasera ho ancora la febbre, domani faró un salto dalla stessa dottoressa che mi visitó, infatti il leggero sibilo che viene dalla gola, quando faccio degli sbadigli, é leggero ma ancora presente.
Ce la faró a rimettermi in forma? Per ora pare di no!!!

meglio ascoltare un pó di musica che da una bella carica … e dagli di Blink 182

9+3 di fila e giá si sente … ps: aperte le iscrizioni ai Comrades

Dopo la pausa forzata mi sono finalmente gestito meglio ed ho fatto un bel filotto di giorni con corsa e un filo di nuoto e bici. 9 giorni filati, ho saltato domenica 29 anche se avrei voluto fare qualche cosa. Poi da lunedí 30 a ieri 1 settembre ancora tutti i giorni. La differenza si é fatta sentire, sono sempre molto fuori forma, ma quella sensazione di essere da buttare é passata. Purtroppo mi é rimasto ancora un pó di mal di gola, ed oggi mi stá esplodendo un pó di starnuto a raffica. Spero che sia l’ultima definitiva epurazione di quello che avevo avuto 2/3 settimane fa.
Non é niente male poi mischiare qualche riscaldamento sulla cyclette con la corsa e magari il defaticamente in piscina. Oppure nei giorni easy di corsa faccio una pedalata sulle bici da spinning (piú simili alla bici da corsa delle cyclette) e poi ci metto dietro qualche km di corsa. In vista dell’Ironman di Agosto 2011 penso che per i prossimi 4-5 mesi nuoteró quel minimo per migliorare la tecnica e avere la gittata di 3km di nuoto senza fare fatica. Per la bici invece la useró per completare la corsa, qualche pedalata piú consistente nei giorni easy di corsa e magari pedalate piú corte quando non c’e’ modo di nuotare o prima di una corsa piú lunga. Purtroppo la cosa sará piú complicata a Monaco, ma forse, se vengo inserito in un nuovo progetto qui a Dublino, dovró passare piú tempo in Irlanda, che dal punto di vista dello sport, potrebbe anche tornare utile. Si vedrá, nel caso dovró farmi un piano che prevede 2 settimane a Dublino e 3 a Monaco, o qualche mix del genere. L’importante per ora é tornare a fare qualche cosa tutti i giorni con continuitá, e magari penseró a mettere su un 10k decente in occasione della Maratona di Monaco. É il 10 Ottobre, quindi niente maratona per me (al momento avrei 20km di gittata e per niente veloci), magari azzarderó un lungo in occasione della Maratona di Dublino, 25 Ottobre, visto che 99% saró in Irlanda.

Per finire, hanno aperto le iscrizioni per i Comrades, sono in contatto con Markus ed Uli, visto che vogliamo fare una spedizione in gruppo, purtroppo l’iscrizione per i non Africani costicchia, 180$, non proprio il modo migliore per iniziare organizzando una trasferta che comunque avrá i suoi costi, non fosse altro per il viaggio. Il tutto collide clamorosamente con un invito ad un matrimonio, in India, che sarebbe bello accettare, ma li poi il ministero delle finanze, farebbe fuoco e fiamme. Comunque cari amici ultramaratoneti, se volete venire ai Comrades, 89 mitici km in Sud-Africa, pensateci, i posti andranno via in fretta. http://www.comrades.com

Correre al Trinity dopo 5 anni

Sono giusto 5 anni, da quando arrivai al Trinity College, ed iniziai a godermi il prato del Trinity per qualche cosa. Manto perfetto, morbido ma non troppo, solo 500 metri il giro ma per qualche corsa breve o delle sessioni intense, andava benone. Lunedí sono arrivato a Dublino e l’ho sfruttato subito, come spero di continuare a fare per le prossime 2 settimane.
Inoltre avere a 50 metri dall’ufficio una palestra con piscina, é di grosso aiuto. Al momento sono veramente giú di forma, ripartito venerdí scorso, oggi mi appresto a fare la sesta corsa in 6 giorni, e con un pó di pazienza avró presto dei feedback positivi. Cosa bella é che ieri, quasi piú per sfizio che altro, mi sono scaldato 10′ sulla cyclette (e poi ho scoperto, che ora hanno un pó di attrezzi per lo spinning, molto piú simili ad una bici da strada che non le cyclette), poi sono uscito per 12km di corsa, ed infine, come cool down, mi sono cambiato e ho fatto giusto 10-15′ di nuoto, molto rilassanti devo dire. Credo che da stanco, potrei trovare il modo migliore per migliorare lo stile. Insomma, anche facendo poco, si arriva ad un’1h30′ di attivitá in un lampo, mentre giá 1h30 di sola corsa puó essere impegnativa. Soprattutto quando non si é in forma.
Poi avendo la palestra é anche facile inserire 10/15′ di core stability a base di addominali e altri esercizi per la postura, prima i partire per una corsa.
Morale della favola, essere single per un paio di settimane a Dublino, ha i suoi risvolti positivi, a questo proposito devo parlare con il boss di un progetto in cui potrei essere inserito, che potrebbe necessitare di una mia presenza piú regolare. Non sarebbe un gran che per via dello spendere abbastanza tempo lontano dalla Rosina, ma dall’altra parte aiuterebbe notevolmente i miei piani Ironman-istici.

ps: Stefano, occhio alla pagina di Regensburg, solo nella nostra categoria maschi, sono giá 204 iscritti e crescono di 5 al giorno. Presto chiuderanno per limite raggiunto e tu ti mangerai le mani :)

Riparto da zero: frustrazione e pazienza

Almeno sono ripartito, anche se veramente fuori forma. Dopo quasi 10 giorni di pausa, la dottoressa mi ha dato il via libera, stando attento a non sudare troppo in giornate fredde per qualche altro giorno.
Prima uscita venerdí, demoralizzante, ma del resto ripartendo dopo 1 mese dove avevo fatto pochissimo, 5/6 settimane con poca corsa e un pó di bici e 10 giorni fermo del tutto, non poteva essere altrimenti. Poi un chiletto di muscoli trasformato in grasso e un altro chiletto extra apparso. Ieri poi, sabato, la partenza era stata pure peggio, solo verso la fine, le gambe si erano un pó sciolte. Oggi meglio, sempre lento e pesante, ma la ruggine grossa spero se ne andrá correndo tutti i giorni, con costanze, per la settimana che viene.
Oltretutto saró due settimane a Dublino, di male c’é che non avró la bici, di bene c’é che a 50 metri dall’ufficio ho palestra e piscina, ed a 300 metri il prato del Trinity, dove fare le mie corse sul morbido manto erboso. Credo che faró un due settimane di cura rigenerativa, correndo tutti i giorni, iniziando ad infilare dei fartlek e dei 400 la seconda settimana. Nel frattempo qualche nuotata ogni volta che ne avró voglia, e sessioni di addominali, core stability e un filo di potenziamento in palestra.
Devo solo avere pazienza, oggi per curiositá avevo il cardiofrequenzimetro, ed in pratica a pari velocitá i battiti sono piú alti di 15-20 rispetto a maggio. Fortunatamente l’alluce aveva recuperato, nei giorni di pausa avevo dato un calcione ad uno scalino in casa, camminando, e l’alluce era diventato tutto nero e dolorante. Non credo fosse rotto, ora non fa piú male e si stá smaltendo il pestone.
Chiudo la settimana sempre con pochi km, 28 in 3 uscite, ma meglio dello 0 della settimana scorsa. Sono convinto che con 14 corse in 14 giorni, avró modo giá di sentirmi un filo piú tonico e motivato.

Allego il video del record del mondo sugli 800 metri, per la serie come correre i 100 metri in 12.64, otto volte di fila:

Fra virus polmonari e alluci neri, un pó di teoria da triathlon!!!

Mentre attendo giovedí, per una seconda visitina che mi permetta di ridare il via libera alle attivitá sportive, i miei polmoni vanno meglio, anche se ancora non é tutto sparito. La gola non c’é male, solo un filino dolorante quando faccio sbadigli ampi.
Nel frattempo visto che piove sul bagnato ho dato un calcio tremendo ad uno scalinetto da 2cm che separa soggiorno ed ingresso, direttamente sull’alluce destro. Male cane e gonfiore con sangue pesto per 2-3 giorni. Ora il male é quasi passato, penso che potrei anche correre, fosse solo per quello. Spero non ci sia niente di rotto, ma credo di no, visto che tenendolo fermo, non mi fa male. In ogni caso, meglio sia capitato ora che non mentre ero in forma.
Per sollazzarmi mentre ingrasso e perdo (ulteriormente) forma, mi sono comprato un libro, per una bella infarinata generale sul Triathlon, mancano solo 353 giorni all’Ironman di Regensburg, é giá ora di pensarci.
Ho comprato il libro di Joe Friel, The Triathlete’s Training Bible, me ne sono giá letto oltre metá, e per ora il libro mi piace. Sia lo stile di scrittura che i contenuti. Ho deciso quindi di fare una tabella per 12 mesi, usando la pianificazione suggerita dal libro, anche se poi io avró obiettivi intermedi podistici e solo quello finale da Triatleta. Stará a me sfruttare al massimo gli allenamenti di bici e nuoto come cross-training per gli appuntamenti podistici, ma facendo la giusta base per avere una forma sufficiente per gli ultimi 2 mesi, che saranno tutti dedicati all’Ironman. Ipoteticamente terró in mantenimento la corsa, dopo la ultra da 89km, e punteró a rendere sufficiente il nuoto e discreta la bici. Vedremo quali sono i risultati, da questi magari decideró, per l’anno successivo, se fare un Ironman come primo obiettivo o continuare con l’accopiata podista-triatleta.
Non sará facile fare il giusto mix, ma l’approccio discretamente scientifico di Friel aiuta i volenterosi ad autoallenarsi cercando di capire il perché e per come delle basi per un buon allenamento per le 3 discipline del triathlon. Spero di capire bene quello che a me piú manca, soprattutto nel nuoto e nella bici, senza sacrificare troppo la corsa, visto che due dei tre obiettivi principali sono podistici.
Buone corse, pedalate e nuotate a tutti, da giovedi spero finalmente, di iniziare questo piano da 12 mesi. Di certo se riusciró a farlo come indicato da questo libro, adattandolo a me, potrei scoprirmi un atleta diverso fra 7-8 mesi, certamente migliore.

Ecco il link alla pagina Amazon del libro: The Triathlete’s Training Bible on Amazon

ed ora é tempo di un pó di Metal, un video con 10 consigli per rinfrescare la playlist:

Altro stop, precauzionale, spero veloce

Niente da fare, ripartire come si deve ancora non é cosa. É da qualche giorno, forse una settimana che ho un fastidietto che rompe. Immagino sia una leggera infiammazione alle vie respiratorie, infatti quando faccio respiri molto profondi sento un leggero sibilo. Lo so, bisognerebbe farsi vedere subito, ma pensavo fosse un pó di raffreddore, da smaltire in 2-3 giorni, poi ne sono passati altri 2-3 et voilá! La dottoressa é in ferie, ma lunedí rientra, posso attendere, ma nel frattempo faccio un piccolo stop. E spero che sia la volta buona, per poi partire a dovere per ritrovare una forma degna di questa nota. Sicuramente lascieró perdere con l’idea di fare un mezzo Ironman a settembre, troppe poche pedalate e poi questo stop, a cui seguirá un’uscita Dublinese di 2 settimane (dove spero di correre ma non potró pedalare).
Fortunatamente piani a corto raggio non ne avevo, per la maratona di Dublino sono ancora in tempo, mentre quella di Monaco mi sa che salta, ma ci saranno anche la 10k e la Mezza, qualche cosa correró!

update: non ho aspettato il rientro della dottoressa, sono andato da un’altro. A quanto pare ho una infezione virale non grave ai polmoni e qualche batterio bastardo in gola. Tre giorni di antibiotico, qualche antibatterico e una settimana senza sudare, dovrebbero bastare. La sfrutteró come “scusa” per ripartire al meglio fra 7 giorni.

Visto che stó a forma zero, mi riascolto una bella canzone, che mi ha giá dato una mano a scalare l’ultima salita della Maratona di Connemara, un pó di pazienza e la forma tornerá

Comrades, 89km 29 Maggio 2011 e Regensburg 3.8+180+42.2 7 Agosto 2011

La preparazione latita un pochetto, due giorni di pausa per l’indolenzimento al Giro di Resia e poi 2 corse e 2 pedalate da mercoledí a venerdí. In compenso mi diletto con un pó di pianificazione, e dopo aver sentito qualche consiglio di un amico, mi sono scelto un Ironman per il 2011. Si perché vanno via come il pane, soprattutto quelli organizzati meglio, che a quanto pare sono quelli tedeschi. Ed allora ho scelto, preso per buono il punto fermo dei Comrades per fine Maggio (anche li l’iscrizione scatterá presto, il primo di settembre), mi serviva un Ironman piú avanti in estate, in modo che, sulla forma dei Comrades, possa avere tempo per pedalare e nuotare il giusto, mantenendo la forma per la corsa. Ed allora perché no Regensburg, 7 Agosto, poco piú di 2 mesi dopo i Comrades, sarebbe una gran bella doppietta, mi permetterebbe di scaricare la corsa dopo i Comrades, ma sfruttandone lo stato di forma. Sará una buona idea? Al momento mi é parsa tale, infatti mi sono iscritto. L’Ironman costa tanto, ma ci sono delle opzioni di rimborso, se proprio si avessero grossi problemi, a Marzo o Maggio 2011, recuperando il 75% o 50%. Non certo per tirarsi indietro, ma l’idea di buttare 435€ (lo so, sono tanti) e poi magari avere un infortunio in primavera 2011, mi rendeva questa spesa ancora piú indigesta. Invece, nonostante siano tanti, se arriveró in forma e mi godró l’Ironman, li considereró comunque spesi bene. Ora non mi resta che tornare in forma, nei prossimi 2 mesi, per poi fare una lunga “cavalcata” fino ad Agosto 2011.
Scusate se riciclo un video inflazionato, ma é anche colpa di questo video se mi é entrato il testa il tarlo dell’Ironman!!!