Come sto? Bene … in acqua!!!

È un po’ di tempo che il libro ha monopolizzato il blog, ma nel frattempo la voglia di far tornare questo blog un report di corse o altre attività sportive non è cambiata.
Dopo la bellissima camminata per la maratona di Connemara e qualche corsetta, anche se purtroppo solo tre, alcuni problemini che erano sbucati già prima della camminata si erano manifestati in modo più forte. In pratica sono due mesi che ho questi fastidi che a quanto pare sono nevralgici. In riassunto ho fatto i controlli del caso e dal punto di vista oncologico sono stabile come da tempo, e va bene così. Però purtroppo a quanto pare, da qualche parte nella spina dorsale, dove ho avuto i danni dal tumore, anche se le condizione ossea sta migliorando, ho iniziato ad avere delle pressioni sui nervi, generando così dei fastidi “fastasma”, dal male al testicolo tipico del varicocele al male nella zona del sedere che si ha in presenza di emorroidi infiammate. Visita varie dopo si è capito con certezza che non avevo ne varicocele ne emorroidi infiammate. Insomma, tutto indotto. Il problema è che è molto difficile capire la causa scatenante nel dettaglio, e per di più comunque la presenza del tumore delle ossa qualche dolorino di suo lo da.
Ergo, n visite dopo sono ancora dietro al tentativo di migliorare la situazione e tenere a bada il dolore. Da un lato sto cercando di migliorare la terapia del dolore e anche qualche infiltrazione datta in delle visite antalgiche, dall’altro lato presto concorderò una serie, probabilmente leggera, di sessioni di radioterapia.
In tutto questo, a parte i dolori in sè io starei bene, peccato che faccio fatica a stare in piedi e ho bisogno di sedermi supercomodo, con un bel cuscino autoprodotto con gomma piuma e un bel buco nel punto giusto. Infine devo sempre avere la possibilità di stendermi un po’ quando necessario.

Temporeggiando e attendendo il momento per riiniziare con una attività fisica decente i mesi sono passati, ma è ora di fare qualche cosa. Allora sto provando con la piscina e fortunatamente in acqua sto bene. Sono andato tre volte la settimana scorsa e cercherò di andare ogni giorno che potrò d’ora in poi. Partirò piu con della corsa in acqua, ma anche il nuoto va bene. La fisiatra non mi ha dato controindicazioni per la vertebra del collo nel fare il movimento tipico della nuotata.

Infine la cosa mi ispira anche per la proposta dell’amico Ame, lui ha il pass per Kona, per i mondiali di Ironman che si tengono li ogni anno. Mi ha proposto di accompagnarlo cercando magari uno sponsor o qualche cosa del genere. Contatterò l’organizzazione, anche se per quest’anno purtroppo non ho niente di troppo interessante da dirgli dal punto di vista sportivo. Insomma non posso pensare nemmeno nei sogni piu proibiti di fare un Ironman in pochi mesi però, quello che spero sia pronto per ottobre è il libro in versione inglese. Inoltre l’ironman a Kona ci sarà anche nel 2013, e chi lo sa, a me piace sognare, e poter partecipare, anche solo per arrivare in fondo, all’ironman nel 2013 non mi dispiacerebbe.

Mi farò quindi cullare dall’acqua, che quando si hanno problemi di ossa è veramente amica e li provare a ritrovare un qualsiasi forma fisica degna di questo nome. Credo che i miei fastidi potranno sparire solo con un processo di assestamento di ossa e fasci nervosi, e ho come l’idea che se potessi rinforzarmi e ritonificare un po’ di muscolature potrei solo che facilitare questo recupero.
Quindi ci proverò, la cyclette che ho un casa (una ottima bici da spinning kettler, investimento per il recupero ma ora difficile da sfruttare per i fastidi da finte emorroidi) e la piscina potrebbero già essere una copertura per tutto quel che serve per fare un ironman. Certo la corsa in acqua sarebbe solo simulata, ma quando si spinge un po con le cuffie in acqua, alla fine la cosa è abbastanza impegnativa e credo che sarebbe un’ottima preparazione in previsione, prima o poi, di poter poi correre nuovamente su strada!!!

Ma non dimenticate il libro, si prendono ordini sempre al portale qui sotto:

www.simonegrassi.biz

infine l’mp3, è già tornato utile nelle cuffie correndo con la cintura galleggiante, e lo sarà nuovamente presto:

125kgr di libri e qualche pausa nuoto

In realtà nella valida billy ho svuotato 6 dei 9 cartoni che mi sono arrivati, gli altri tre possono attendere inscatolati. Ma comunque si, i libri sono arrivati e ora danno sfoggia di se stessi nella mia libreria di casa.
125kgr per 9 pacchi da circa 60 libri l’uno (in realtà i libri erano poco piu di 501 per un cambio di preventivo all’ultimo momento, devono essere sui 530 circa) non si riceve una massa di carta del genere tutti i giorni. Spero solo non sia uno spreco, mi rincuorano a riguardo i commenti dei lettori.
Comunque ecco 2-3 foto, i cartoni impilati all’arrivo del corriere, e poi in casa e nella billy, ora un po sovraccarica ma che regge.

Inutile sottolineare che ho bisogno di una mano per smaltirli, quindi http://www.simonegrassi.biz per ordinarli o contattatemi se avete modo di incontrarmi di persona! Infine l’ebook, sempre disponibile alla pagine: http://www.amazon.it/dp/B0084GMBX6

Il formato è carino, non fantastico ma sono soddisfatto, compatto e con font non grande, è riuscito a stare subito sotto le 200 pagine, contro le 270 circa di un formato un filo meno compatto e un filo piu tascabile.

Sono già riuscito a passare in due delle tre librerie in sapevo di poter portare delle copie in conto vendita, quindi per i Cesenati da Bettini e Mondadori, lo troverete. Mentre anche a Feltrinelli dovrebbe arrivare, ma servirà qualche giorno in più. Giunti invece non risponde, ho scritto al coordinamento di Firenze ma nessuna risposta, peccato.

Nel frattempo, oltre a portare 125kgr di libri in casa, fortunatamente in tanti blocchetti leggeri, visto che grossi pesi non posso sollevarne, sto iniziando con la piscina, dato che per la corsa ancora non se ne parla. Ma farò un post nei prossimi giorni, bisogna ripartire con la forma fisica, anche se i fastidi nevralgici che mi attanagliano da due mesi non sono purtroppo finiti. Insomma la situazione oncologica è ancora stabile, e va bene così, ma le vertebre rovinate, anche se in recupero, da due mesi fanno, a quanto pare, pressioni su fasci di nervi, causandomi fastidi notevoli. E io che dopo la camminata di Connemara in Aprile volevo fare la San Giovanni (11km di corsa) per poi aumentare lentamente e vedere dove poter arrivare.
Peccato, però i piani ci sono, ho fatto due test in piscina, negli ultimi due giorni e li è tutto bello, senza gravità non ho fastidi e dovrò assolutamente andare quanto più possibile per riiniziare a tonificare questo corpo oramai diventato sedentario, ma che mi rendo conto, scalpita per ripartire.
In ogni caso fra pochi giorni ne saprò di più sul come provare a risolvere questi problemi, magari faccio un post più ad-hoc sulla mia salute, e anche sull’invito che ho avuto da un amico per andare ad accompagnarlo a Kona, per i mondiali di Ironman. Sarebbe bello, ma soprattutto sarebbe bello partecipare a quell’Ironman, ma tanto per iniziare anche andare ad accompagnare il buon Ame, sarebbe già un buon inizio!!!

Non dimenticate di ordinare la vostra copia del libro, mi raccomando!!!

Libro finalmente disponibile: ordinate pure :)

Il libro è ora ordinabile, dopo averne cercato uno con lo stesso titolo, tanti mesi fa, quando ne avrei avuto bisogno io. Dopo avere avuto l’ispirazione per scrivere, averlo scritto e corretto. Dopo aver cercato un editore, ricerca che ancora procede silente (servono tempi biblici per un editore tradizionale) sono partito. E dopo la versione ebook, su amazon, finalmente il libro in carne (e ossa) grazie all’editore online youcanprint.it (isbn: 9788866189909, 12€ il prezzo di copertina). Lo vendo io stesso qui dal portale, grazie all’ecommerce dedicato che vedete qui sotto (cliccabile):

ps: Non vergognatevi di fara proseliti, è un libro che fino a che non dovesse intercettare la curiosità di un editore di un certo nome, resterà relegato a internet ed al passaparola, quindi, passate pure parola ;)

Inoltre farò delle iniziative insieme ai ragazzi di Vita al Microscopio. Loro faranno raccolte fondi dando il libro in cambio di una donazione e vi terrò aggiornati per sapere dove e quando saranno o se fosse possibile fare qualche cosa anche online.

– http://www.simonegrassi.biz –

Come potete notare dal sito ho previsto anche l’audiobook, scaricabile online oppure spedendo il CD. Sto ancora finendo di lavorare sulla copertina ma è ordinabile e lo potrete avere completo in pochi giorni, ancora in meno per il download in digitale.
Poi mi saprete dire se la mia lettura non è troppo male. Ma ho pensato che la lettura dell’autore, per quanto non possa competere con la lettura di un attore che lo fa per lavoro, possa però dare un qualche cosa all’audiobook. Quindi eccolo qui disponibile.

ps: per quanto riguarda me, i fastidi nevralgici continuano, ma gli esami anche confermano che il tumore è fermo, cosa molto importante. Ci vorrà pazienza per liberarsi di queste nevralgie, dovute al 99% ai danni pregressi nelle mie vertebre che ora (pur in fase di ripresa) premono sui fasci nervosi regalandomi fastidi inesistenti. Comunque farò un post di aggiornamento dedicato, spero prestissimo quantomeno di riiniziare a pedalare in casa e fare un po di lavoro in acqua! Non voglio proprio far mancare lo sport ancora a lungo a questo blog!

-7 giorni al libro cartaceo ed ebook gratis per 24 ore!

Finalmente mi è arrivata l’ultima stampa di prova della prima edizione. Ora i giochi sono fatti, parto con il fai da te, coaudiuvato da youcanprint.it! Ecco la prima prova, da questa cambierò solo lo spessore delle pagine, questa da 120gr l’una, troppo grosse, usando quelle da 90gr l’una.
Ma sarà identico! E appunto fra 7 giorni dovrei avere questa prima edizione qui a casa, pronta per essere distribuita. A mano, sopratutto ma ho ancora messo a punto un piccolo sito di e-commerce www.simonegrassi.biz dal quale poter ordinare, pagare e farsi spedire il libro direttamente a casa.
Stò anche procedendo a fare la versione audiobook, per chi fosse interessato. Nel frattempo su amazon è sempre disponibile la versione ebook, anzi da fra poche ore (questione dell’inizio del 12 Giugno nella posta Pacifica degli stati uniti) il libro sarà in promozione a 0 euro per 24 ore. Pare sia un buon modo per promuoverlo, diffondendolo un pò.
Si sa il mercato ebook italiano è veramente piccolo, un piccolo stimolo alla richiesta, con 24 ore di omaggio del libro, potrebbe aiutare.
Se vi interessa il libro lo potete prendere in omaggio per 24 ore qui: http://www.amazon.it/Corsa-lArte-Vivere-Cancro-ebook/dp/B0084GMBX6.
Mi dispiace per chi dovesse averlo pagato, magari si sentirà un po tradito, ma è un’offerta da 24 ore, credo veramente che il libro possa meritare il prezzo che ha. Diciamo che ha bisogno di farsi conoscere!!!
Un saluto e stay tuned, gli ordini in realtà possono essere fatti anche da subito, sia per la copia cartacea che per l’audiobook, ma potrò evaderlo solo da fra una settimana!!!


ps: lo sguardo strano è dovuto solo al fatto che mi sono accorto all’ultimo momento che non guardavo la camera, allora mi sono affrettato a farlo prima dello scatto, il risultato è un po di allampanamento.

Passatore che passione! Libro cartaceo in arrivo!

E un altro passatore è passato, sabato per la quarantesima volta, un gruppo di podisti in braghette si sono allineati a Firenze, in pieno centro, aspettando la partenza della 100km del Passatore.
Purtroppo non ho nemmeno potuto pensare di poter essere la per correre, anzi, oltretutto sono saltati anche i miei piani di essere almeno la, in piazza a Faenza per vedere un po’ di arrivi, accogliendo qualche amico all’arrivo della loro lunga fatica.
Peccato, i miei fastidietti non sono ancora spariti e sabato anche uscire tre minuti per un caffè era una faticaccia, quindi meglio evitare e ho seguito qualche amico via internet.
Certo la voglia di esserci è ovviamente esplosa con la partenza della gara e il passare del tempo e dei rilevamenti di tempo.
Giorgio poi ha fatto nuovamente una delle sue, cioè vincere a mani basse e si è portato a casa il settimo passatore consecutivo. Sono molto contento per lui e come al solito è stato grande. Non che avesse bisogno di vincere sabato per dimostrare qualche cosa sarà semplicemente ancora più mitico di prima.
Inoltre sarà un piacere ancora maggiore vedere il mio libro con una sua frase nella quarta di copertina.
Spero di smaltire in fretta la voglia di rifare il passatore, visto che al momento faccio fatica anche a camminare per 5 minuti. Però effettivamente, al prossimo passatore mancano 12 mesi. Chi lo sa, stiamo a vedere se almeno riesco in qualche settimana o mese a tornare a correre e poi, penseremo se e quando accumulare qualche km in piu.
Fortunatamente il passatore lo fanno tutti gli anni!!!
Di sicuro per l’anno prossimo sarà pronto almeno il libro, sotto ho messo la copertina e la quarta completi, cosi come saranno presumibilmente stampati da qui ai prossimi giorni. Devo solo ricevere una stampa di prova da un servizio online, youcanprint.it! Dopodichè deciderò se iniziare con loro oppure con una piccola casa editrice di Cesena. I primi fanno una stampa più economica ma che immagino meno accattivante (sono appunto in attesa della copia di prova), mentre i secondi hanno un bel formato ma più costoso, sopratutto se il numero di copie richieste non è elevato.
Per gli interessati ripassate ogni tanto, oltre al link che fa bella mostra di se sulla destra, potrebbe presto comparire anche il link al carrello nel quale inserire il libro in formato cartaceo per poterlo comprare facendoselo spedire in tutta Italia.
Inoltre ho inaugurato i contatti con l’associazione vita al microscopio, che vorrei aiutare nella loro raccolta fondi, principalmente per l’acquisto di strumenti per facilitare la ricerca sulle nanopatologie del Dottor Montanari e della Dottoressa Gatti. Fra l’altro sfoggero con gioia una prefazione di Stefano Montanari all’interno del libro, che è anche in parte ripreso in parte nella quarta di copertina.
Insomma è ora che il libro “parta”, sperando di aiutare in modo concreto nella raccolta fondi dell’associazione e più in generale facendosi un pò di pubblicità da solo, non avendo io a disposizione canali privilegiati per farlo conoscere!!!
State sintonizzati per la prima edizione e mi raccomando non fatevi passare la voglia di fare il passatore, chi sa che nel 2013 non si possa organizzare qualche cosa insieme.

ps: angolo musicale dedicato al “Capitan Bottom”, che ha esordito al Passatore con un ottimo tempo ma soprattutto finendolo ed il tutto portando attraverso gli appennini il pettorale 666, the number of the best!

“Lo zen, la corsa e l’arte di vivere con il cancro” è ora pubblicato!!!

Alla fine ho deciso, e sono partito con la versione e-book del libro “Lo zen, la corsa e l’arte di vivere con il cancro”.
È già da ora accessibile su Amazon al seguente link:

L’ebook di “Lo zen, la corsa e l’arte di vivere con il cancro” su Amazon.it

Forse per qualche ora non sarà trovabile con la ricerca ma solo dal link diretto, ma tutto dovrebbe essere ok nei vari store .com, .it e anche gli altri nelle prossime 24/48 ore, anche ricercando per titolo o autore.

Come tutti i gli e-book su Amazon è possibile scaricarne una parte di prova oppure acquistarlo da un kindle o da computer scegliendo a quale device farlo arrivare (tipo kindle o ipad).

Per la copia cartacea ci sarà da attendere qualche settimane, spero poche. Se avete voglia di fargli un pò di pubblicità fra i vostri contatti è ovviamente una cosa gradita. Per chi volesse, non siate timidi nel fare una recensione su amazon. Inoltre ho inserito il libro in un programma speciale di Amazon, per cui da qui ai primi due mesi ci saranno delle giornate speciali in cui il libro potrà essere letto gratuitamente. Credo di poter scegliere io le giornate, magari avviserò qui nel blog quando dovesse capitare.

Insomma, alla fine il libro è pubblicato e sono ovviamente soddisfatto ma sarà ancora più bello avere in mano la prima edizione in versione cartacea. Comunque essere pubblicato, seppure in e-book, sul primo venditore di libri al mondo, è una bella sensazione.

Buona lettura a chi la volesse fare e non fatevi problemi e commentare poi qui lasciando il vostro parere. Dentro c’è anche quella storia che ho vissuto nel primo anno dalla diagnosi e che anche qui nel blog ho percorso. Anzi, alcuni dei post hanno ispirato le parti di alcuni capitoli oltre che le mie corse.
Molti delle parti di corsa sono state scritte anche all’esistenza di questo blog, che mi ha fatto da piccolo archivio per rammentare meglio le giornate e le sensazioni provate facendo determinate gare o allenamenti.
Insomma per chi avesse frequentato questo blog negli ultimi anni, nel libro certamente ritroverà un po del mio modo di correre e forse un pò dello spirito che mi ha accompagnato ultimamente, da quando purtroppo la corsa non è più protagonista.

Per la parte di fiction, a voi il giudizio, spero che questa storia parallela ma solo apparentemente scollegata vi possa intrattenere e possa servire a completare il resto del libro, come era mia intenzione nello scriverla.

Non posso non ricordare il post (che ora controllo essere datato 7 febbraio 2011, ecco il link) in cui evocavo la necessità dell’esistenza di un libro con questo titolo. Al tempo lo cercai io stesso fra i libri esistenti, con la voglia che ci fosse e potesse essere utile per rispondere ai tanti dubbi che quella mia condizione portava. Nonostante il titolo fosse in qualche modo presuntuoso sono contento che ora questo libro esista. Sarei molto contento se qualcuno, che come me nel febbraio 2011, avendone bisogno, possa trovare un qualsiasi beneficio in un momento di bisogno. Evenienze che non raramente capitano quando si affrontano momenti particolari della propria vita.

La mia prima pubblicazione … wow, eheh

Ok c’è il barbatrucco, me la sono pubblicata da solo, ma che ci volete fare, siamo nell’era di Internet e sono anche il felice possessore di un e-reader, un Kindle.
Quindi? Quindi sto sia per pubblicare il libro “Lo zen, la corsa e l’arte di vivere con il cancro” su Amazon, ma per spianare la strada e fare un minimo di esperienza ho pubblicato una prima cosa. Niente di speciale, sono tre favole, nemmeno illustrate, che però mi piacciono e tenevo a pubblicare almeno come prova per l’utilizzo dell’ambiente di pubblicazione Amazon.
Quindi, ecco a voi la pagina amazon della piccola raccolta. Spero che cresca e che si fornisca di illustrazioni, ma le prime tre ci sono e spero che a qualcuno possano anche piacere. Per i lettori del blog, mandatemi un commento al post, ricordando di mettere l’email, e chiedetemi il file delle favole se le volete leggere. Anche il prezzo online è simbolico ma ai visitatori del blog le mando molto volentieri, mi farebbe piacere raccogliere qualche commento spassionato sulla loro validità.

Trologia di favole per prepararsi a dormire

ps: si la foto è di Connemara, eheheh

Fronte libro l’editore piccolo ma nazionale latita un pò, niente di troppo strano, ma ho deciso di partire. Quindi farò un’accoppiata per partire da solo, amazon per la versione digitale e un editore/stampatore che mi permetta di stampare a un prezzo buono per poter poi vendere direttamente online con un mini-portale di ecommerce. Ho fatto i conti che con 12 euro di copertina si riescono a coprire i costi di spedizione e di stampa lasciando anche un discreto margine, che inizialmente per le copie vendute direttamente da me inizierà a formare il gruzzolo che mi servirà per sponsorizzare la traduzione in inglese o la correzione della versione inglese che sto scrivendo io.
Quindi a fra pochi giorni, io credo che in pochi giorni sarà acquistabile su amazon in formato ebook mentre magari in un paio di settimane potrebbe essere pronto in versione cartacea, ordinabile da un mini portale di e-commerce che pubblicizzerò qui nel blog.

Per ora un saluto, e buon notte per chi dovesse avere modo di leggere le favole subito prima di andare a letto.

avrei voluto parlare del mio riesordio ma … pazienza, per ora!

Era da dopo Connemara che volevo riesordire usando il mio blog per un post che avesse una parvenza di piano di allenamento, o preparazione per una corsa. Senza troppo pathos ne grandi obiettivi, solo poter mettere finalmente un post che parlasse solo di X settimane facendo qualche allenamento finalizzato a correre la garetta Y. Mi ero immaginato 11 settimane in cui correre prima 2-3 volte a settimana fino a crescere, alternando alla cyclette, fino a poter prima correre un’ora filata e poi puntare a fare 12km. Non a caso il riesordio iper-non-competitivo ma riesordio era la San Giovanni che si corre a Cesena (il 16 Giugno), una 12km un po collinare carina e che poteva essere una manifestazione interessante e per me comoda per tornare a fare una podistica correndo.
Dopo Connemara avevo corso tre volte, a giorni alterni, arrivando a fare 40 minuti e 7.5km di corsa continua e nuovamente senza nessun problema.
Poi purtroppo mi sono esplosi dei fastidietti e questo nonostante abbia fatto, proprio in quei giorni, il nuovo controllo oncologico, che ha detto che è tutto stabile. Anzi, stabile nei polmoni, che è bene, e le vertebre più danneggiate continuano a mostrare una consistenza recuperata, che anche è bene.
Quindi da una parte bene così, dall’altra mi sono sbucati dei fastidi che mi impediscono di correre, anzi mi danno molto fastidio pure a camminare, a essere onesti. Ragionando con esami e medici molto probabilmente sono navralgie, causate da qualche problema noto alla spina dorsale, che influisce appunto sui nervi causando dolori periferici.
Infatti in primis pensavo di avere un banale varicocele (volgarmente mal di coglioni) affiancato a un dolorino sacrale. A quanto pare il varicocele non c’è (ma il dolore è indotto), e cosi anche il dolore sacrale è di origine non ben definita.
Poco male, la pazienza era una virtù fortunatamente ancora non dimenticata, nemmeno se avessi voluto farlo, e servirà tirarne fuori un altro pochino.
Quindi per ora niente corse, mi consolo pensando che pare non sia stata la mia camminata a Connemara a scatenare questi sintomi, perché un’avvisaglia di questi fastidi era arrivata la settimana precedente alla camminata stessa. Ovvio la medicina non è una scienza esatta, qualche interazione fra le corsette che avevo riabbozzato e questo fastidio potrebbero esserci, anche se sul momento ho corso senza nessun problema apparente e senza nessun indolenzimento di nessun tipo.

Quindi ci facciamo bastare (e non è poco) un controllo oncologico positivo (con riserva di fare una risonanza per riguardare un pò in ste vertebre che succede) e riarchiviamo l’idea di fare una podistica correndo. Se mi libero dei fastidi la potrò comunque fare camminando anche a breve, ma per correre vorrò certamente essere sicuro dell’origine dei fastidi per essere sicuro che ritornare a correre non possa riscatenarli o riacutizzarli.

Infine terrò un pò della pazienza anche per il libro, sto veramente aspettando a giorni una risposta da un editore a cui pare il libro stia piacendo. Ma non c’è ancora un’offerta, diciamo che serve un nulla osta definitivo. Si può solo aspettare e sperare che decidano per la pubblicazione. Se dovesse andare male partirò comunque con un piccolo editore locale oppure con uno dei servizi online!

Per il riesordio si vedrà, niente fretta, come non ce n’era prima, garette da 10km non ne mancano, prima o poi confido di poterlo fare senza rischi.

ps: cosi ci ho pensato ora, mentre lo scrivo, accompagnare per gli ultimi del passatore Capitan Bottom, l’amico Andrea. Magari avrò ancora il finto mal di coglioni e sarà infattibile, ma la butto la, sarebbe comunque una bella scusa per essere in zona arrivo al passatore di quest’anno.


ps2: capitano, questa potrebbe tornarti utile dopo 85km, nel buio, da qualche parte la, nella campagna, prima di quel cartello, camminando o correndo ti garantisco che il ritmo che sentirai scandire dalla tua voglia di arrivare in fondo non sarà meno entusiasmante del rif in apertura di questa canzone (dal secondo 35)!!!

Marathon nr. 27: Connemarathon!!! My first marathon walking

Thanks a lot to everybody, being in Connemara again was just wonderful, walking there the marathon with the luck to have such a great weather, just staying more than 7 hours “lost” in that natural paradise. Also thanks for all the friends that came over, the one that I met there, the one who wrote me and finally all the people that did donate some money for the charity collection!
Sorry for the non italian speaking visitors, I continue in Italian, read the note about the book at the very bottom, I’ll let you know something later on with a post written in English!!!
ps: also I will do updated in english as well about my idea of training for some walking/running events in the next few months (Dublin? will see)

Dopo una settimana di Irlanda è venuto anche il momento di rientrare. A parte il cotrattempo che mi fa pensare che la mia testa sia ancora saldamente in Irlanda, cioè che avevo dimenticato di acquistare il volo di rientro, il resto è stato tutto perfetto. San Ryanair ha messo una pezza, permettendomi di trovare, lunedì pomeriggio, un volo a un prezzo decente per il martedì mattina. Ho volato su Verona anzichè Bologna, ma allo stesso prezzo che avrei pagato se solo avessi comprato il volo che avevo visto e non comprato, a suo tempo, su Bologna.

Detto questo Connemara si conferma un posto staccato dal mondo, irreale e per me un vero e proprio sogno. Per la sesta volta andavo per la maratona di Connemara anche se stavolta era la prima volta in cui camminavo. Non solo la prima volta che camminavo a Connemara, ma proprio la mia prima maratona comminata, in assoluto.

Dopo essere “scomparso” dall’Irlanda per un anno e mezzo mi è stato fatto sia il regalo di avere un clima ottimo. A Dublino abbiamo avuto dei giorni fra i migliori che si possano chiedere all’Irlanda, inoltre ho avuto modo di riincontrare un sacco di amici che non vedevo da tempo e di gustare un po di Guinness con i tempi dei miei anni irlandesi.

La maratona è andata benissimo, eravamo circa 20 a fare gruppo per camminare, ci siamo divertiti, abbiamo fatto la giusta fatica, qualcuno ha avuto mal di gambe, altri le vesciche ma è stata per tutti una bella giornata. Le foto del resto dicono tutto (Galleria Dropbox).

Inoltre la raccolta per charity ha preso il volo avvicinandosi e raggiungendo il giorno della gara e i giorni seguenti. Siamo al momento a 3.283€ raccolti. Essendo partito con l’idea di arrivare a 2000 poi alzata a 2500 direi che la raccolta sta andando benissimo, visto che resterà aperta per tutto Aprile. C’è ancora tempo per i ritardatari che volessero contribuire alla raccolta per Care Cancer West!

Inoltre la ciliegina sulla torta, podisticamente parlando, era la partecipazione di Giorgio Calcaterra alla gara di Ultramaratona. Si è fatto a suo tempo contagiare dai miei commenti su Connemara e così i miei contatti con il direttore della gara parlando dell’idea di portare Giorgio a Connemara hanno fatto si che la cosa potesse succedere. E così Giorgio non si è smentito e oltre a godersi una vacanza in Irlanda e una giornata fantastica insieme alla ragazza Veronica, ha corso l’ultramaratona in 3h56’56″ dando oltre venti minuti al secondo e abbattendo il muro delle 4h che il Direttore sperava fosse abbattuto e per il quale aveva fissato un premio speciale.

Per le mie gambette è andato tutto bene, hanno camminato diligentemente per 42.2km, un filo di indolenzimento sulla distanza si è fatto sentire ma sia la sera che il giorno dopo non avevo di più che un normale e moderato indolenzimento. Lo prendo come un buon segno! Dopo le 4-5 corse fatte e gennaio dopo il via libera della fisiatra, per vari motivi a avevo fatto solo qualche pedalata. Ma ora è giunto il tempo di riprovare a correre più costantemente. Ovviamente sempre riprendendo gradualmente ma prometto che il prossimo post sarà una pseudo tabella.
Essere in Irlanda mi ha fatto venire voglia di tornarci e mi piacerebbe tornarci per correre. Visto che a Giugno ci sarà la San Giovanni a Cesena (12km), a settembre e ottobre a Dublino ci sono prima la mezza maratona e poi la maratona, chissa che possa sperare di fare una o più di queste manifestazioni se non correndo per tutto il percorso almeno con un’alternanza.
Chi lo sa, lo scoprirò solo provando, visto che non esiste medico sulla terra che possa dire con certezza, questo non lo potrai più fare, o il contrario. L’unico metodo è sperimentare con cautela.
Ripartirò con delle corsette di mezz’ora e da li costruirò degli allenamenti un filino più lunghi. Primo “grande” obiettivo, correre per un’ora filata, sempre con l’orecchio teso per sentire se la schiena avesse qualche cosa da dire!

Ultima nota, sono ancora il sospeso sul sapere se e quando pubblicherò il libro, per chi fosse interessato ho messo su questa mailing list, per ricevere una email quando dovesse essere disponibile il libro in pubblicazione ufficiale. Per chi mi avesse visto gironzolare con una copia “vera” in mano, è un’edizione 0, fatta in poche copie da regalare a qualche amico. Ma sono fiducioso, nelle prossime settimane spero di avere news e partire con una edizione vera, acquistabile in ogni libreria (ordinando se non con la presenza immediata sugli scaffali) o con la possibilità di comprare da una pagina web con spedizione a casa. Dipenderà dall’editore con cui partirà la prima edizione.

English note: finally for my english speaking friends, the book will not be ready in English for at least a few months. But I will translate the first chapter and publish it here on the blog, hopefully in a few weeks time!!! Keep an eye!!!

Finish line video from Antonio:

Connemara Marathon, another dream come true

Just add some pictures before to take off back to italy, the full gallery is at this link: http://www.dropbox.com/gallery/1068358/1/Connemara_2012?h=063e74

About 7h40 in Paradise, follows the RunKeeper report!