Corsa e Alimentazione: La corretta Dieta del Corridore

fonte: Podisti.net

Scritto da Piero Colangelo

Una corretta strategia alimentare aiuta a mantenere la migliore condizione fisica, influenzando positivamente il rendimento dell’atleta in allenamento e durante la competizione.
Mangiare in modo equilibrato consente inoltre di conservare negli anni la migliore efficienza mentale, di ritardare il processo di invecchiamento e di ridurre il rischio di malattie tumorali e cardiache.
Seguire quindi un’alimentazione che si fondi su determinate regole è un’esigenza imprescindibile non solo per chi svolge un’attività sportiva, ma per tutti coloro che non vogliono vedere il proprio fisico appesantirsi ed invecchiare precocemente a causa di un’alimentazione frettolosa e fatta di alimenti ipercalorici la cui composizione è formata prevalentemente da grassi.

Bisogna sempre tenere a mente che tutto ciò che s’ingerisce serve soprattutto al nostro organismo per svolgere le sue funzioni vitali, per fornire energia indispensabile per determinate attività e per ricostruire le fibre muscolari distrutte dall’allenamento. Va pertanto evitato qualunque sistematico tipo di eccesso, perché la quantità di cibo che supera il fabbisogno alimentare finisce per tramutarsi inevitabilmente in un incremento di grasso corporeo.
Non è vero il detto secondo cui “il podista può mangiare qualunque cosa, tanto le calorie in eccesso vengono smaltite attraverso la corsa”: corridori in sovrappeso s’incontrano ad ogni manifestazione.
La strategia alimentare rappresenta senza alcun dubbio un aspetto che va ad integrarsi nel più vasto ambito della pianificazione dell’allenamento e, perché il podista possa evitare di incorrere in scelte sbagliate per quanto riguarda l’alimentazione, è fondamentale che questi acquisisca una conoscenza approfondita delle pietanze che rientrano nella sua dieta giornaliera e dei nutrienti che compongono i prodotti alimentari di cui può disporre.
A tutto ciò va aggiunta la ricerca del “giusto schema alimentare” da seguire; esso parte dal dosaggio, sino a giungere alla corretta combinazione delle pietanze.
Il problema di come alimentarsi è particolarmente sentito dai corridori nei giorni che precedono una gara di resistenza (quale è la maratona) e in quelli immediatamente successivi la competizione stessa. Tanti si affidano ai suggerimenti dell’amico “bene informato”, col rischio di sottoporsi ad inutili e, a volte, controproducenti “sacrifici alimentari”; al contrario, le corrette abitudini alimentari andrebbero tenute nella giusta considerazione, non soltanto in vista di una gara ma durante l’intera vita sportiva.
In particolare, l’atleta dovrebbe fare in modo che:
- tra pranzi e spuntini si raggiungano i cinque pasti al giorno, evitando che si rimanga senza mangiare per più di cinque, sei ore;
- ogni pasto o spuntino non dovrà mai essere composto da un solo nutriente, ma è fondamentale che vi sia un giusto rapporto tra proteine, carboidrati e grassi, in modo che l’organismo possa attingere in ogni momento tutti gli elementi di cui abbisogna.

I ritmi di vita influenzano non poco l’alimentazione, ma il podista dovrebbe organizzare i pranzi e gli spuntini giornalieri nel seguente modo:
- Prima colazione entro un’ora dal risveglio, nel caso non sia previsto l’allenamento al mattino. Qualora sia prevista la seduta d’allenamento, dopo aver sostenuto lo sforzo fisico.
- Spuntino entro le ore 10–11
- Pranzo
- Spuntino pomeridiano entro le ore 17 o dopo la seduta d’allenamento, qualora questa sia prevista.
- Cena

La distribuzione del cibo in funzione delle esigenze del corridore

Il fabbisogno del metabolismo basale di un individuo medio è soddisfatto da una razione di circa 1600 – 1800 calorie (un po’ di meno per la donna).
Tale richiesta dovrà essere soddisfatta senza il ricorso a diete specifiche, bensì assumendo in modo equilibrato tutti i tipi di macronutrienti. Il resto delle calorie da ingerire sarà individuato scegliendo tra gli alimenti più adatti per lo sport praticato.
Un corridore di endurance indirizzerà necessariamente la sua scelta verso gli alimenti ricchi di carboidrati, in modo da soddisfare appieno il proprio fabbisogno calorico (da 2500 calorie per giungere sino a 3500 calorie).
Il problema assume connotati diversi per il corridore che si trova in sovrappeso; quest’ultimo dovrà ridurre l’assunzione di alimenti rispetto al suo fabbisogno calorico senza mai perdere di vista “l’efficienza” che una dieta ipocalorica non corretta potrebbe compromettere.
E’ risaputo che diete particolarmente povere di carboidrati, proteine e grassi non riescono quasi mai ad assicurare all’atleta un apporto di nutrienti adeguato al suo impegno fisico.
Le regole da seguire a tavola per contenere le calorie e smaltire i chili senza perdere l’efficienza non sono tante e soprattutto sono facili da mettere in pratica: per ottenere un dimagrimento graduale ma costante è sufficiente una corretta distribuzione dei cibi nell’arco della giornata, accompagnata da un uso controllato degli alimenti ricchi di grassi, dei condimenti e degli zuccheri semplici.
I principi di una corretta alimentazione non vanno mai persi di vista in prossimità di una maratona, e anche l’atleta esente da problemi di peso dovrà fare attenzione a non eccedere nell’uso dei grassi, per non ridurre le scorte di glicogeno nei muscoli e nel fegato.
Nei giorni che precedono una maratona e nei periodi di massimo sforzo vanno preferiti alimenti e pasti con elevata percentuale di carboidrati, dai quali l’organismo trarrà le sostanze per incrementare al massimo le scorte di glicogeno.
E’ ormai noto da parecchi anni come un’alimentazione a base di pasta, patate, dolci, verdure e frutta possa far aumentare le riserve di glicogeno immagazzinate nei muscoli e nel fegato.
In un atleta ben allenato che si alimenta nei giorni che precedono una maratona assumendo una quantità elevati di carboidrati (dieta ipoglicidica) si possono registrare presenze di glicogeno nei muscoli che raggiungono i 2,5 – 3 grammi di glicogeno per 100 grammi di muscoli.
Alcune regole vanno seguite anche nei giorni successivi l’impegno agonistico, per consentire all’organismo (soprattutto al fegato) di smaltire i metaboliti prodotti dallo sforzo e ricostituire le scorte energetiche per riprendere al meglio la preparazione dopo la fase di scarico. L’alimentazione sarà basata su cibi facili da digerire, cucinati senza troppi grassi e conditi con una quantità moderata di olio extravergine di oliva, molta verdura e tantissima frutta.
Anche i “lunghissimi” comportano un consumo elevato di scorte di glicogeno, che vanno pertanto ripristinate. La ricostituzione delle scorte di glicogeno richiede circa due giorni ed è legata al tipo di dieta. Non vi è quindi l’urgenza di assumere dopo la seduta cibi solidi ricchi di carboidrati: meglio cominciare ad assumere dopo l’allenamento carboidrati sotto forma di bevande energetiche, più facili da digerire.
Dopo l’allenamento o la gara è bene ripristinare il patrimonio idrico-salino.
L’operazione richiede dall’ora alle cinque ore, a seconda dell’effettiva perdita dovuta allo sforzo. E’ bene reintegrare l’organismo di acqua, sali e vitamine bevendo succhi di frutta concentrati o frullati di frutta con agrumi.
Una particolare attenzione all’alimentazione va posta anche nella fase di costruzione, nella quale è previsto il potenziamento della muscolatura al fine di migliorare la resa della macchina umana durante la fase agonistica.
Il potenziamento della muscolatura richiede una dieta maggiormente ricca di proteine, elementi indispensabili per la ricostruzione della muscolatura; rispetto alla solita alimentazione, si possono assumere carne, uova e formaggi con una frequenza settimanale maggiore. Non dovrà essere trascurato l’apporto di minerali e di vitamine, in particolare la B6, che si trova nelle carni e nel fegato, e la B12 (nelle carni e nelle frattaglie), che svolgono una funzione fondamentale sulla sintesi proteica.
Lo schema alimentare corretto

La prima colazione

Il corridore che prevede di allenarsi nel corso del pomeriggio non potrà assumere un pasto abbondante. Tutto ciò fa si che la prima colazione debba necessariamente essere piuttosto sostanziosa e non limitata alla semplice tazza di caffè.
Anche per i corridori che devono allenarsi la mattina è consigliata una prima colazione abbondante, per non incorrere in una crisi ipoglicemica al termine della seduta. Naturalmente dovrà trascorrere un adeguato intervallo di tempo prima che inizi l’allenamento.
Sotto questo aspetto i maratoneti rappresentano un’eccezione: secondo il prof. Arcelli, “chi corre la prova dei 42 chilometri deve abituarsi a certe situazioni metaboliche che in parte vengono provocate anche dal fatto di essere digiuni dalla sera precedente”.
La prima colazione dovrebbe sempre iniziare con una spremuta di agrumi (circa 50 calorie), che prepara lo stomaco a ricevere altri alimenti, oltre che fornire una buona quantità di vitamina C.
Continuare poi la colazione con latte o yogurt e cereali integrali.
I cereali integrali (circa 360 calorie) sono ricchi di fibre naturali, quindi indispensabili per il benessere dell’intestino, mentre nel germe dei cereali (calorie 390 circa), utilizzato in modo particolare nelle colazione della dieta macrobiotica, sono contenuti oli essenziali, proteine e molte vitamine.
Il latte (circa 130 calorie) può definirsi un alimento quasi completo, anche se mancante del ferro. E’ consigliata la sua l’assunzione durante la prima colazione in quantità non elevate. Va bevuto a temperatura ambiente, a piccoli sorsi e senza l’aggiunta del caffè, perché si corre il rischio di allungare i tempi di digestione, di per sé già piuttosto lunghi per la presenza di proteine e grassi.
Un litro di latte fornisce circa 650 calorie, 35 grammi di proteine, 50 grammi di carboidrati (in gran parte lattosio), 7 grammi di sali minerali (tra cui calcio e fosforo) e molte vitamine.
Il lattosio presente nel latte è un disaccaride formato da una molecola di glucosio ed una di galattosio.
Durane la digestione il lattosio si divide nei due zuccheri ad opera di un enzima (lattasi) presente nella mucosa intestinale.
Per il corridore che ama consumare una colazione dove il latte sia presente e si allena dopo poche ore, è conveniente acquistare il latte che presenti sull’etichetta la sigla “accadi” (latte ad alta digeribilità): si tratta di un prodotto in cui i due zuccheri sono stati scissi grazie ad un processo industriale.
Il latte scremato è più digeribile rispetto a quello intero, però con i grassi si perdono buona parte delle vitamine liposolubili (A, D, E e K).
Nel latte sono presenti le vitamine B6 e B12, mentre è scarso il contenuto di vitamina C.
Oltre al calcio, gli altri sali minerali presenti sono fosforo, potassio e magnesio.
Lo yogurt (circa 65 calorie per 100 grammi di prodotto) è molto più digeribile del latte, poiché la scissione del disaccaride è avvenuta grazie all’azione dei batteri lattici presenti nello yogurt stesso. Pertanto, si può assumere in diversi modi e in diversi momenti della giornata.
La colazione può prevede anche le fette biscottate con miele o marmellata e burro.
Le fette biscottate (circa 400 calorie) sono ricche di carboidrati, ma per effetto della lunga cottura risultano povere di vitamine. Sono molto più digeribili del pane perché la cottura supplementare spezza le catene degli amidi con la conseguente facilitazione della fase digestiva, pertanto rappresentano l’accompagnamento ideale per colazione e spuntini. Vanno preferite quelle che contengono pochi grassi e magari quelle che al posto di grassi animali sono confezionate con oli vegetali (olio di palma).
Il miele (circa 300 calorie) è composto essenzialmente da zuccheri semplici (saccarosio, glucosio e fruttosio) e viene utilizzato essenzialmente come dolcificante o per confezionare dolci. Come tutti gli zuccheri semplici va assunto con molta parsimonia, comunque l’abbinamento di una piccola quantità di miele (una decina di grammi) su due fette biscottate fornisce all’organismo carboidrati in percentuale elevata.
La marmellata (circa 250 calorie) è costituita dal frutto cotto più zucchero. Sono molto ricche di carboidrati (circa 70 grammi per 100 grammi di prodotto) ma, per effetto del procedimento di cottura, scarso è l’apporto di vitamine.
Il burro (circa 716 calorie) è un alimento ad alto valore nutritivo e fornisce un valore elevato di calorie. Va consumato crudo in piccole quantità. Sempre crudo è un ottimo condimento di riso e pasta. E’ sconsigliabile usarlo cotto e a lungo. Come tutti i grassi di origine animale, oltre i 160 gradi produce sostanze dannose per le muscose gastriche e per il fegato.
Come dolcificante del caffè o del tè può essere utilizzato in piccole quantità lo zucchero.
Lo zucchero (circa 380 calorie) è formato soltanto da due molecole (fruttosio e glucosio) e risulta di facile digeribilità. Prima di una gara o di un allenamento è bene evitare l’uso del saccarosio sostituendolo con il fruttosio, che avendo una struttura chimica diversa è insulino indipendente.

Pranzo e cena

La pasta (circa 350 calorie) è una delle principali fonti da cui il corridore trae la benzina per i suoi muscoli. L’amido che compone la pasta è un grande agglomerato di molecole di glucosio, che, una volta entrato nella attività digestiva dello stomaco, viene scomposto nelle sue particelle elementari un po’ alla volta.
Per una resa ottimale e per fornire integralmente gli elementi nutritivi che la compongono, la pasta deve essere preparata esclusivamente con farina di grano duro, così come prevedono le normative di legge.
La pasta in brodo (specie se vegetale) o il minestrone, dopo l’allenamento, sono piatti ideali per e agevolare il recupero idrico, salino ed energetico.
Un’alternativa della pasta è il riso. Dal punto di vista della digeribilità non vi sono grandi differenze rispetto alla pasta: a determinare i tempi di digestione sono soprattutto i condimenti che si aggiungono.
Il riso brillato fornisce circa 360 calorie, mentre la percentuale di carboidrati raggiunge l’ottanta per cento.
Purtroppo il riso che si trova in commercio è spogliato di molte delle sue proprietà a causa dei tanti processi di raffinazione a cui viene sottoposto, pertanto va sempre scelto quello integrale. Solo il sette per cento è rappresentato da proteine e, come negli gli altri cereali, mancano alcuni amminoacidi essenziali come la lisina e il triptofano. Il riso e la pasta vanno perciò abbinati con altri alimenti contenenti proteine di alto valore biologico, in modo da elevarne le proprietà nutrizionali.
I legumi, insieme alla carne, rappresentano l’abbinamento ideale della pasta e del riso.
I legumi (circa 400 calorie) occupano una posizione intermedia tra gli alimenti a funzione plastica e quelli a funzione energetica, infatti contengono una notevole percentuale sia di proteine che di carboidrati. Le proteine dei legumi, pur presentando un valore biologico minore rispetto a quelle di origine animale, sono facilmente integrabili da altre proteine.
I fagioli, i piselli, le lenticchie e tutti gli altri tipi di legumi contengono scarse quantità di metionina, (amminoacido solforato importantissimo), che può essere fornito da altri alimenti che si consumano durante lo stesso pasto. Ecco perché in parecchie minestre molto comuni quali riso e piselli, pasta e fagioli, pasta e ceci, ecc. si realizza un’ottima integrazione proteica.
Il pane (circa 270 cal.), come la pasta ed il riso, non può considerarsi un alimento completo perché privo di proteine di elevato valore biologico. La digeribilità del pane varia con lo stato di freschezza. Quello fresco è poco digeribile, perché conserva una certa elasticità che gli conferisce resistenza alla masticazione. Meglio il pane raffermo o tostato.
Il pane non dovrebbe mai mancare nella dieta del corridore, ma per chi ha problemi di peso la quantità a pranzo e cena non dovrebbe superare i 50 grammi.
I grissini (circa 400 cal.) rispetto al pane comune contengono meno acqua ma più proteine e grassi, quindi a parità di peso sono molto più calorici.
Il corridore che voglia seguire la migliore strategia alimentare commette un errore se trascura nella sua dieta l’uso dell’olio extravergine di oliva.
Esso rappresenta una fonte concentrata di energia, grazie alle nove calorie per grammo, e gli antiossidanti presenti nell’olio combattono i radicali liberi, responsabili di vari disturbi (di cui spesso soffre il corridore) quali infiammazioni e tendiniti.
L’olio di oliva, come tutti i grassi, ha un tenore calorico molto elevato, per cui il suo utilizzo prevede sempre una certa moderazione. Non bisogna dimenticare che 10 g. di olio (circa un cucchiaio da cucina) apporta quasi 100 calorie. E’ consigliabile, nella preparazione dei cibi, utilizzare l’olio a fine cottura, perché come tutti i grassi subisce delle alterazioni quando raggiunge temperature elevate. Esso comincia inoltre a produrre sostanze tossiche quando si superano le temperature di 200 gradi.
Il vino (600, 700 calorie per litro) e la birra vanno sempre bevuti con moderazione.
Un bicchiere di vino durante il pasto svolge numerose azioni benefiche per l’intero organismo: il vino ha la funzione di stimolare la funzione gastrica, pancreatica e la secrezione salivare, stimolando così l’appetito e favorendo la digestione.
Una lattina di birra fornisce circa 100 calorie, e rispetto al vino contiene vitamine e sali minerali in misura maggiore.
Discorso diverso va fatto circa l’effetto di un bicchiere di liquore dopo il pasto: l’alta gradazione dei distillati agisce negativamente sul fegato limitandone le funzioni.
I dolci non vanno esclusi dalla dieta di un corridore. Se vengono consumati con moderazione, rappresentano per l’organismo un’ottima fonte di carboidrati, grassi, proteine, vitamine e minerali. Sono da preferire le torte e i biscotti senza creme (es. torta di mele, circa 260 cal. – strudel di mele, circa 230 cal. – crostata di marmellata, circa 340 cal. – creme caramel, circa 200 cal. – biscotti secchi, circa 230 cal.), mentre andrebbero consumate di rado brioches (circa 420 cal.), pasticceria alla crema (circa 600 cal.) e torte di cioccolato (circa 600 cal.).
Ad esempio, una torta di mele rappresenta un ottimo alimento per il corridore, poiché i carboidrati della farina, dello zucchero della frutta raggiungono circa il 60 per cento dei macronutrienti, mentre le proteine delle uova e del latte superano il 15 per cento.
Passando ai secondi piatti, un ruolo i portante nella nostra alimentazione lo svolgono le carni. Esse forniscono vitamine ad alto valore biologico ed il ferro.
Sono senz’altro da preferire le carni bianche (circa 120 calorie) di pollo, coniglio e tacchino, anche se il consumo è maggiormente indirizzato verso quelle bovine (il manzo, circa 200 calorie) e suine (circa 260 calorie).
Le carni bianche presentano una percentuale di grassi di gran lunga minore.
Le carni hanno tempi lunghi di permanenza nello stomaco; molta attenzione va quindi posta alla cottura delle stesse, evitando soprattutto le preparazioni che prevedono lunghi tempi di cottura, l’utilizzo di grassi e di altri condimenti.
Vanno quindi preferite le carni alla griglia, ai ferri, al vapore e alla brace, con l’aggiunta di una quantità moderata di olio d’oliva.
Perché il ferro contenuto nella carne venga assimilato in percentuale elevata dall’organismo è necessario mangiare la carne senza contorno e senza pane, ma con abbondate limone.
L’alternativa alla carne è per antonomasia il pesce (tonno, circa 120 calorie).
Cucinato senza grassi è un alimento altamente digeribile. Vi sono pesci che contengono una percentuale di grassi molto ridotta, come la trota, la sogliola, i calamari, il merluzzo e il nasello, e il loro il basso contenuto proteico permette di mangiarne una quantità maggiore rispetto alla carne.
Altro alimento ricco di proteine è il prosciutto (circa 350 calorie), sia cotto che crudo. Scegliere sempre fette di prosciutto piuttosto magro, evitando di mangiarne la parte grassa.
Il prosciutto non è annoverabile tra gli insaccati: questi ultimi sono molti ricchi di grassi e di conservanti, e vengono stagionati. Per chi svolge una costante attività fisica è bene che la loro assunzione sia piuttosto limitata.
Una valida alternativa agli alimenti proteici di tipo animale è rappresentata dalle uova (circa 160 calorie).
Il valore nutrizionale di un uovo è molto elevato: corrisponde all’incirca a 45 grammi di carne e a 125 grammi di latte. In un uovo si trovano 6,5 grammi di proteine, 5,5 g, di grassi e 0,8 di zuccheri, per un totale di 75 calorie. Il valore biologico delle proteine supera il 90%.
Possiede anche una buona digeribilità, se bevuto fresco o cotto per pochi minuti in acqua bollente.
Un secondo piatto può essere rappresentato anche dai formaggi.
Essendo derivati del latte, i formaggi mantengono molte caratteristiche dell’alimento originario. Sono pertanto ricchi di proteine nobili, grassi, minerali (calcio) e vitamina D.
Possono sostituire la carne ed il pesce nei pasti principali. E’ bene rilevare che formaggi magri non esistono: tutti hanno una discreta percentuale di grassi che allunga di molto i tempi di digestione. Bisogna quindi evitare di utilizzare i formaggi negli spuntini che precedono una seduta d’allenamento.
Le verdure non dovrebbero mancare mai sulla tavola dello sportivo, specie nei mesi estivi.
Esse riforniscono l’organismo di acqua, sali minerali e vitamine. La verdura andrebbe mangiata quanto più possibile cruda: sono elevate le perdite di vitamine e sali minerali dopo la cottura.
La frutta può essere assunta al termine del pranzo (ad esclusione di alcuni frutti – come le banane – che hanno tempi di digestioni piuttosto lunghi) o nelle ore successive come spuntino.
La frutta è composta in massima parte di acqua (circa 80-90%) e presenta un basso valore calorico. Essa, infatti, oltre a una limitata percentuale di zuccheri (dal 6 al 17 %) non contiene né proteine né grassi, inoltre il suo valore nutritivo è arricchito dalla presenza di minerali (potassio e calcio) e vitamine, in particolare la A e la C.
Calcolando il fabbisogno giornaliero di uno sportivo di vitamina C (circa 80-90 mg.) e A (700 mg.), due arance fresche o quattro mandarini sono in grado di soddisfare l’intero fabbisogno di vitamina C, mentre le albicocche ed i cachi quello della vitamina A.
Gli zuccheri presenti nella frutta sono prevalentemente monosaccaridi, come glucosio e fruttosio. Essendo zuccheri che l’organismo assorbe con estrema facilità e velocità, la frutta può tranquillamente essere consumata prima e durante un impegno fisico.
Perché la frutta ingerita contenga tutti i suoi pregiati valori nutritivi è importante:
- che sia consumata quella di stagione;
- evitare di acquistare quella che ha subito processi di conservazione in celle frigorifero;
- preferire quella coltivata biologicamente, non trattata con sostanze parassitarie;
- ricordare che i succhi di frutta venduti in commercio contengono il 50% circa di acqua per ridurne la concentrazione.

Il gelato ha un ruolo importante nella dieta dello sportivo. Al termine di un pasto povero di calorie e di grassi è possibile assumere una coppa di gelato. Quelli alla frutta sono meno calorici rispetto a quelli al cioccolato e alla crema.
Al termine dell’allenamento, nei periodi estivi, un gelato aiuta l’organismo a ripristinare più velocemente la temperatura corporea e le scorte di glicogeno, inoltre aiuta la digestione, se viene assunto subito dopo un pasto in quantità moderate e sciolto lentamente in bocca.
E’ possibile terminare il pranzo assumendo una tazza di caffè.
Il caffè è in grado di stimolare in modo positivo la secrezione dei succhi gastrici e biliari ed aiuta pertanto a digerire.
La caffeina agisce sul sistema nervoso centrale: essa fa aumentare la lucidità mentale, scomparire la sensazione di stanchezza e il desiderio di dormire. Se ingerita in quantità superiore al grammo quotidiano provoca eccitazione. Le federazioni sportive considerano doping la caffeina quando nelle urine vi è una concentrazione determinata dall’assunzione di otto, nove tazzine di caffè.
Studi scientifici hanno dimostrato che la caffeina è in grado di far aumentare la concentrazione di acidi grassi nel sangue. Il maratoneta che sarà in grado di utilizzare fin dall’inizio della prestazione acidi grassi presenti nel sangue, riuscirà a risparmiare piccole quantità di glicogeno. Non è stato comunque dimostrata la reale proprietà della caffeina di migliorare le capacità prestative di un atleta di endurance.
Al termine del pranzo o della cena, una breve passeggiata aiuta a migliorare le funzionalità di tutto l’organismo.

Gli spuntini

Gli spuntini che di solito seguono o precedono una seduta di allenamento devono essere facilmente digeribili e pertanto poveri di grassi.
Essi possono essere rappresentati da un frutto (mela, arancia, pera), ortaggi (carote, finocchi) e alcuni biscotti secchi, oppure è possibile propendere per uno yogurt magro alla frutta con l’aggiunta di qualche fiocco di cereale.

Il pasto che precede una gara o un allenamento

Il pasto che precede una gara deve necessariamente essere facilmente digeribile.
Il processo di digestione è disturbato da un’attività fisica particolarmente intensa e, nel contempo, lo stesso processo influenza negativamente la prestazione.
Vanno pertanto eliminati i cibi che di per sé richiedono una digestione particolarmente laboriosa e quelli per i quali si hanno problemi.
Come prima regola è necessario ridurre al minimo l’apporto di grassi, che di per sé allungano i tempi di digestione, specie se sono fritti o cotti a lungo. Fare attenzione che i condimenti vengano usati, per quanto possibile, crudi.
Evitare che l’errato abbinamento dei cibi allunghi i tempi di digestione: alcune ricerche scientifiche hanno evidenziato come la scorretta associazione di due alimenti metta in difficoltà il corredo enzimatico. Sono di seguito indicati gli abbinamenti da evitare durante il pranzo che precede di qualche ora la gara:

Alimenti che non andrebbero abbinati

- latte con uova;
- cibi proteici (carne, uova, formaggio) con i dolci;
- latte con carne;
- cibi ricchi di amidi (pasta, pane) con cibi proteici;
- cibi proteici assieme (carne e formaggi);
- cibi e bevande acide (aceto, succo di limone, succhi di frutta) con cibi proteici.

Quando è prevista la gara nel pomeriggio, è consigliabile mangiare almeno tre ore prima un piatto unico più un dolce alla marmellata o biscotti secchi, scegliendo tra pasta, patate o riso condito con sugo di pomodoro e poco parmigiano.