Archive for April, 2012

avrei voluto parlare del mio riesordio ma … pazienza, per ora!

Era da dopo Connemara che volevo riesordire usando il mio blog per un post che avesse una parvenza di piano di allenamento, o preparazione per una corsa. Senza troppo pathos ne grandi obiettivi, solo poter mettere finalmente un post che parlasse solo di X settimane facendo qualche allenamento finalizzato a correre la garetta Y. Mi ero immaginato 11 settimane in cui correre prima 2-3 volte a settimana fino a crescere, alternando alla cyclette, fino a poter prima correre un’ora filata e poi puntare a fare 12km. Non a caso il riesordio iper-non-competitivo ma riesordio era la San Giovanni che si corre a Cesena (il 16 Giugno), una 12km un po collinare carina e che poteva essere una manifestazione interessante e per me comoda per tornare a fare una podistica correndo.
Dopo Connemara avevo corso tre volte, a giorni alterni, arrivando a fare 40 minuti e 7.5km di corsa continua e nuovamente senza nessun problema.
Poi purtroppo mi sono esplosi dei fastidietti e questo nonostante abbia fatto, proprio in quei giorni, il nuovo controllo oncologico, che ha detto che è tutto stabile. Anzi, stabile nei polmoni, che è bene, e le vertebre più danneggiate continuano a mostrare una consistenza recuperata, che anche è bene.
Quindi da una parte bene così, dall’altra mi sono sbucati dei fastidi che mi impediscono di correre, anzi mi danno molto fastidio pure a camminare, a essere onesti. Ragionando con esami e medici molto probabilmente sono navralgie, causate da qualche problema noto alla spina dorsale, che influisce appunto sui nervi causando dolori periferici.
Infatti in primis pensavo di avere un banale varicocele (volgarmente mal di coglioni) affiancato a un dolorino sacrale. A quanto pare il varicocele non c’è (ma il dolore è indotto), e cosi anche il dolore sacrale è di origine non ben definita.
Poco male, la pazienza era una virtù fortunatamente ancora non dimenticata, nemmeno se avessi voluto farlo, e servirà tirarne fuori un altro pochino.
Quindi per ora niente corse, mi consolo pensando che pare non sia stata la mia camminata a Connemara a scatenare questi sintomi, perché un’avvisaglia di questi fastidi era arrivata la settimana precedente alla camminata stessa. Ovvio la medicina non è una scienza esatta, qualche interazione fra le corsette che avevo riabbozzato e questo fastidio potrebbero esserci, anche se sul momento ho corso senza nessun problema apparente e senza nessun indolenzimento di nessun tipo.

Quindi ci facciamo bastare (e non è poco) un controllo oncologico positivo (con riserva di fare una risonanza per riguardare un pò in ste vertebre che succede) e riarchiviamo l’idea di fare una podistica correndo. Se mi libero dei fastidi la potrò comunque fare camminando anche a breve, ma per correre vorrò certamente essere sicuro dell’origine dei fastidi per essere sicuro che ritornare a correre non possa riscatenarli o riacutizzarli.

Infine terrò un pò della pazienza anche per il libro, sto veramente aspettando a giorni una risposta da un editore a cui pare il libro stia piacendo. Ma non c’è ancora un’offerta, diciamo che serve un nulla osta definitivo. Si può solo aspettare e sperare che decidano per la pubblicazione. Se dovesse andare male partirò comunque con un piccolo editore locale oppure con uno dei servizi online!

Per il riesordio si vedrà, niente fretta, come non ce n’era prima, garette da 10km non ne mancano, prima o poi confido di poterlo fare senza rischi.

ps: cosi ci ho pensato ora, mentre lo scrivo, accompagnare per gli ultimi del passatore Capitan Bottom, l’amico Andrea. Magari avrò ancora il finto mal di coglioni e sarà infattibile, ma la butto la, sarebbe comunque una bella scusa per essere in zona arrivo al passatore di quest’anno.


ps2: capitano, questa potrebbe tornarti utile dopo 85km, nel buio, da qualche parte la, nella campagna, prima di quel cartello, camminando o correndo ti garantisco che il ritmo che sentirai scandire dalla tua voglia di arrivare in fondo non sarà meno entusiasmante del rif in apertura di questa canzone (dal secondo 35)!!!

Marathon nr. 27: Connemarathon!!! My first marathon walking

Thanks a lot to everybody, being in Connemara again was just wonderful, walking there the marathon with the luck to have such a great weather, just staying more than 7 hours “lost” in that natural paradise. Also thanks for all the friends that came over, the one that I met there, the one who wrote me and finally all the people that did donate some money for the charity collection!
Sorry for the non italian speaking visitors, I continue in Italian, read the note about the book at the very bottom, I’ll let you know something later on with a post written in English!!!
ps: also I will do updated in english as well about my idea of training for some walking/running events in the next few months (Dublin? will see)

Dopo una settimana di Irlanda è venuto anche il momento di rientrare. A parte il cotrattempo che mi fa pensare che la mia testa sia ancora saldamente in Irlanda, cioè che avevo dimenticato di acquistare il volo di rientro, il resto è stato tutto perfetto. San Ryanair ha messo una pezza, permettendomi di trovare, lunedì pomeriggio, un volo a un prezzo decente per il martedì mattina. Ho volato su Verona anzichè Bologna, ma allo stesso prezzo che avrei pagato se solo avessi comprato il volo che avevo visto e non comprato, a suo tempo, su Bologna.

Detto questo Connemara si conferma un posto staccato dal mondo, irreale e per me un vero e proprio sogno. Per la sesta volta andavo per la maratona di Connemara anche se stavolta era la prima volta in cui camminavo. Non solo la prima volta che camminavo a Connemara, ma proprio la mia prima maratona comminata, in assoluto.

Dopo essere “scomparso” dall’Irlanda per un anno e mezzo mi è stato fatto sia il regalo di avere un clima ottimo. A Dublino abbiamo avuto dei giorni fra i migliori che si possano chiedere all’Irlanda, inoltre ho avuto modo di riincontrare un sacco di amici che non vedevo da tempo e di gustare un po di Guinness con i tempi dei miei anni irlandesi.

La maratona è andata benissimo, eravamo circa 20 a fare gruppo per camminare, ci siamo divertiti, abbiamo fatto la giusta fatica, qualcuno ha avuto mal di gambe, altri le vesciche ma è stata per tutti una bella giornata. Le foto del resto dicono tutto (Galleria Dropbox).

Inoltre la raccolta per charity ha preso il volo avvicinandosi e raggiungendo il giorno della gara e i giorni seguenti. Siamo al momento a 3.283€ raccolti. Essendo partito con l’idea di arrivare a 2000 poi alzata a 2500 direi che la raccolta sta andando benissimo, visto che resterà aperta per tutto Aprile. C’è ancora tempo per i ritardatari che volessero contribuire alla raccolta per Care Cancer West!

Inoltre la ciliegina sulla torta, podisticamente parlando, era la partecipazione di Giorgio Calcaterra alla gara di Ultramaratona. Si è fatto a suo tempo contagiare dai miei commenti su Connemara e così i miei contatti con il direttore della gara parlando dell’idea di portare Giorgio a Connemara hanno fatto si che la cosa potesse succedere. E così Giorgio non si è smentito e oltre a godersi una vacanza in Irlanda e una giornata fantastica insieme alla ragazza Veronica, ha corso l’ultramaratona in 3h56’56″ dando oltre venti minuti al secondo e abbattendo il muro delle 4h che il Direttore sperava fosse abbattuto e per il quale aveva fissato un premio speciale.

Per le mie gambette è andato tutto bene, hanno camminato diligentemente per 42.2km, un filo di indolenzimento sulla distanza si è fatto sentire ma sia la sera che il giorno dopo non avevo di più che un normale e moderato indolenzimento. Lo prendo come un buon segno! Dopo le 4-5 corse fatte e gennaio dopo il via libera della fisiatra, per vari motivi a avevo fatto solo qualche pedalata. Ma ora è giunto il tempo di riprovare a correre più costantemente. Ovviamente sempre riprendendo gradualmente ma prometto che il prossimo post sarà una pseudo tabella.
Essere in Irlanda mi ha fatto venire voglia di tornarci e mi piacerebbe tornarci per correre. Visto che a Giugno ci sarà la San Giovanni a Cesena (12km), a settembre e ottobre a Dublino ci sono prima la mezza maratona e poi la maratona, chissa che possa sperare di fare una o più di queste manifestazioni se non correndo per tutto il percorso almeno con un’alternanza.
Chi lo sa, lo scoprirò solo provando, visto che non esiste medico sulla terra che possa dire con certezza, questo non lo potrai più fare, o il contrario. L’unico metodo è sperimentare con cautela.
Ripartirò con delle corsette di mezz’ora e da li costruirò degli allenamenti un filino più lunghi. Primo “grande” obiettivo, correre per un’ora filata, sempre con l’orecchio teso per sentire se la schiena avesse qualche cosa da dire!

Ultima nota, sono ancora il sospeso sul sapere se e quando pubblicherò il libro, per chi fosse interessato ho messo su questa mailing list, per ricevere una email quando dovesse essere disponibile il libro in pubblicazione ufficiale. Per chi mi avesse visto gironzolare con una copia “vera” in mano, è un’edizione 0, fatta in poche copie da regalare a qualche amico. Ma sono fiducioso, nelle prossime settimane spero di avere news e partire con una edizione vera, acquistabile in ogni libreria (ordinando se non con la presenza immediata sugli scaffali) o con la possibilità di comprare da una pagina web con spedizione a casa. Dipenderà dall’editore con cui partirà la prima edizione.

English note: finally for my english speaking friends, the book will not be ready in English for at least a few months. But I will translate the first chapter and publish it here on the blog, hopefully in a few weeks time!!! Keep an eye!!!

Finish line video from Antonio:

Connemara Marathon, another dream come true

Just add some pictures before to take off back to italy, the full gallery is at this link: http://www.dropbox.com/gallery/1068358/1/Connemara_2012?h=063e74

About 7h40 in Paradise, follows the RunKeeper report!