Archive for May, 2008

100km del Passatore: diretta Streaming dalle 20 alle 24!

Ho trovato una TV online che fará una diretta del passatore online, dalle 20 alle 24 di stasera. Partendo alle 15 di oggi pomeriggio (31 Maggio 2008), si attenderá il vincitore fra le 6:30 e le 7 ore di corsa, cioé entro le 22! A seguire gli altri, ed entro alle 24 sono sicuro, che se non avrá problemi particolari, vedró transitare anche Andrea!

Il sito é Tele1.TV, cliccando, in alto a destra, su Guarda il nostro palinsesto, é presente il link per la 100km del passatore.
So che non dovrei guardalo, perché mi verrá una voglia incredibile di essere la, ed inizieró a fare programmi per il 2009, nonostante sappia che forse sarebbe meglio pianificarla per fra 2-3 anni (e certamente almeno fra meno 5-10 kgr di peso). Comunque sará bellissimo seguire l’arrivo dei primi, spero anche che facciano vedere i primi prima dell’arrivo, impegnati nell’ultima parte di gara, e magari qualche registrazione della giornata, e di tutti gli altri partecipanti, veloci e lenti.

Calcio: qualche emozione dagli europei

Da appassionato di calcio che ero, soprattutto perché ho giocato 20 anni in un club (sempre dilettantistico), ho fatto una scommessina calcistica. Oggigiorno sta rimanendo sempre meno passione ed emozioni e sempre piú scandali e schifezze. Restano forse i mondiali, qualche champions league combattuta e gli europei. Non che abbia bisogno di puntare dei soldi per tifare Italia, ma dopo averlo fatto nei mondiali del 2006, uso il sito UK di paddypower per scommettere sull’Italia. Qua l’Italia la danno a valori piú alti che in Italia, ovviamente ci sono piú tifosi di altre nazioni (pensate che ai mondiali 2006 Paddypower dava la quota piú bassa all’Inghilterra). Allora sono andato a curiosare, ed ho trovato una quota interessante, che tutto sommato mi pare valida, e sulla quale ho deciso di “investire” 13 Eurini. In pratica la scommessa la vincere se l’Italia vincesse i campionati europei con Luca Toni capocannoniere. Certo non semplicissimo da accadere, ma vista la forma del ragazzo e comunque la squadra testata ed equilibrata che ha l’Italia, ho fatto questo grande investimento (solitamente scommetto 50 centesimi combinando i match di serie B, tipo una schedina) ben 13 euro. Il moltiplicatore é 34, credo che rischi/vincita sia un rapporto buono, in pratica se Luca Toni da capocannoniere trascienerá l’Italia a vincere gli europei, il mio investimento mi permetterá di raccogliere 442 Euro.
Sotto riporto la schermata di quelle scommesse, cioé le varie accoppiate Cannoniere+Vincente. Qua pare proprio che puntino tutti sulla vittoria della Germania.

paddy_euro08_bet.jpg

98 Miliardi di evasione dai concessionari delle slot machine: SPARITI .. anzi SANATI

Ricordate la questione dei 98 miliardi di euro (si euro, non lire) non pagati dalle concessionarie delle slot machine (tassa del 12% sugli incassi)? Ricordate tutte le polemiche? Ebbene, appena il polverone si é abbassato, ecco il colpo di spugna. Nel silenzio generale (che sia stato il nuovo governo o il vecchio o di comune accordo poco cambia), é stata sistemata la cosa. In pratica per il futuro in caso di mancato pagamento non sono previste sanzioni (quindi perché pagare? o perché pagare tutto?) dando anche un colpo di spugna, molto probabilmente, ai 98 miliardi pregressi.
Un bel regalo ai furbi, alle mafie ed ai partiti, AN pare moolto vicina a questi giri ma sono sicuro che la lista sia piú lunga, sempre bipartisan, si capisce. Comunque alla faccia del voto utile, inutile, non astensionismo, un’altra dimostrazione che fra PDL e PD-senza-elle, la differenza é sempre minore.

Ecco l’articolo del Secolo IX!

Passatore Dreaming: 100km del passatore, una corsa, un mito … un sogno

Domani alle 3 del pomeriggio, partirá la 36 esima edizione della 100km del Passatore. Oramai piú un mito che una gara, da qualche anno nella mia testa, ma che ancora non ho voluto nemmeno provare a preparare, ma prima o poi spero di avere la fortuna di prepararla a dovere, e di potere partecipare.

1090416910_9e8383fc4b_o.jpg

Video dell’anno scorso: 2007

Una bel racconto di un passatore corso da un ragazzo del 1954!

Un altro racconto del passatore di Sara!

ps: in bocca al lupo a tutti i partecipanti, sicuramente ci sará l’oramai ultramaratoneta Andrea, ma spero anche che l’ironman Lucio abbia deciso di andare.

Allenamenti: ricominciare dai 400

Dopo 3 settimane di pure corsettine per sudacchiare ogni tanto, questa settimana pare essere quella buona per poter dire che sto riiniziando a prepararmi per le maratone autunnali. Poco stacco ma credo utile, cosi da porter riiniziare senza ripartire da troppo in basso, facendo troppa fatica. In fondo sono passate solo 3 settimane e pochi giorni dalla maratona di Belfast, e nonostante i pochi km, non credo di avere perduto un’esagerazione come forma. Allora dopo due corsettine leggere lunedí e martedí, ieri insieme al compagno di corse Adriele abbiamo risponverato un pó le gambe, con una sessione di 12 volte i 400, ma senza esagerare. 60″ di recupero fra 2 giri di pista, ritmi sulla media di 77″ per i 400metri. Insomma, una sessione per stimolare un pó le gambe con ritmi sostenuti ma non troppo, cercando lo stile di corsa e senza andare mai in affanno. Ottimo allenamento che credo ripeteremo, aumentando il numero di ripetute e abbassando il tempo sul giro.
L’autunno scorso avevo curato meglio la velocitá di base, e ne ho traccia in certi allenamenti con 3 andature da 20′ a ritmi veramente ottimi per i miei standard. Questa primavera quei lavori di qualitá sono mancati di piú ma avevo lavorato meglio sulle distanze e sugli allenamenti sotto soglia di 30/60 minuti, soprattutto con certi in leggero saliscendi. Per questa preparazione credo che uniró i due lati positivi, qualitá sulla velocitá e le andature fino ai 4-5k e la giusta distanza e lavori sotto soglia dai 30/60 minuti. Sto iniziando a pensare ora a buttare giú una tabella di massima, in cui fare il giusto mix dei pro delle ultime due stagioni, ovviamente non mancheró di metterla sul blog con tanto di commenti porta sfiga, come i bellissimi tempi che faró a Berlino e New York :)

all_29_may_2008.jpg

L’era di Internet é finalmente arrivata

…lo so, magari ho scoperto l’aqua calda, o lo sapevo giá, ma a volte sapere non basta. Guardando questo video, da utente della rete, del web, ho avuto piú chiaramente di altre volte, la sensazione che siamo in pieno dentro all’era di Internet. E se ancora Internet non raggiunge tutti non importa, questa nuova era é giá nel suo pieno.
Quanti piú personaggi riconoscerete in questo video dei Weezer, tanto piú vuole dire che un pezzetto della vostra vita é su Internet, e devo dire che sempre con la dovuta moderazione e metodo, mi pare un’ottima cosa

Link a youtube: http://www.youtube.com/watch?v=muP9eH2p2PI

Disinformazione: Prima e seconda puntata di Travaglio che interviene su BeppeGrillo.it

Ecco i video youtube dei primi 2 interventi del Lunedi alle 14 di Marco Travaglio su BeppeGrillo.it!

Corsa e Maratona: programmi a breve, medio e lungo termine

Non ricordo dove lo avevo letto, sicuramente sia in qualche rivista che in quale libro, ma giá tempo fa ho trovato utile fare un programmino dei miei piani podistici a breve, medio e lungo termine. Con idee, intenti e obiettivi. É utile, devo ammetterlo, ed allora lo rifaccio.
L’ultima volta che lo feci (non ho ritrovato il post, ma sono sicuro di averlo messo nel blog, cercheró meglio … update, l’ho ritrovato, ecco il link) credo di avere messo 2h38′ come obiettivo al ungo termine ed un pó sogno per le mie maratone.
Dopo 3 settimane belle scariche, credo che a breve mi rifaró una tabella, con l’esperienza aggiunta di questa ultima preparazione. Saranno 20 settimane circa, da adesso a Berlino prima e New York poi in cui rifondare la velocitá e l’obiettivo che veramente vorrei centrare sono i tempi sui 5k e 10k. Su cui costruire poi la distanza per una mezza maratona e le maratone autunnali. Avvicinarsi ai 16’20″ nei 5k e scendere sotto i 34′ nei 10k, in qualche momento durante agosto, sarebbe un ottimo segnale per fare una mezza maratona a inizio settembre puntanto ad andare sotto l’1h15′! Fatto questo (fosse poco), il breve termine si concluderebbe con Berlino, piatta e piena di supporto, bella atmosfera, dove aggredire senza paura le 2h35′ (certo con i tempi precedenti fatti, sarebbe unl’obiettivo sensato). Il 2h38′ é ancora un sogno, ma superarlo di slacio verso le 2h35′ non mi pare una cattiva idea.
Per il medio termine, primo voglio restare senza infortuni anche per il 2008 e 2009, tenendo quel bilanciamento di km e riposo, che mi permetterebbe di non avere infortuni rilevanti. Riportare il peso ai livelli dell’autunno scorso sui 76kgr forse sará una necessitá. Anche se 2 anni fa pensavo che i miei 80kgr mi bloccassero appena sotto le 3 ore, e non avrei mai potuto pensare di poter correre in 2h41′ a Belfast pesando 80kgr, ora credo che scendere ulteriormente di tempo sarebbe molto ma molto arduo senza limare anche un pó di peso. Finire il 2008 attorno ai 75kgr sarebbe un bel modo per iniziare il 2009.
Come medio termine devo imparare poi a mantenere quel livello di peso, entro i 75kgr, stabilizzare le prestazioni sotto i 2h35′ per farla diventare una prestazione “normale” (si fa per dire). A quel punto certamente avró un’idea piú chiara sui potenziali ancora rimasti, in relazione anche al peso. Visto da adesso, direi che lo scalino per il lungo termine sarebbe di puntare alle 2h29’59″. Certo visto da ora, con un PB di 2h41′ forse é fuori luogo, ma non so perché ma credo fermamente di avere qualche chance di affrontare veramente quell’obiettivo (poi sull’ottenerlo cronometro alla mano, saranno “volatili per diabetici” miei, eheh).
ps: spero comunque di farmi 2 sane risatine rileggendo questo post di intenti fra 2-3 anni, comunque sia andato il programmino.

Micromega: nuovo interessantissimo numero sulla scienza

micromega_scienza.jpg Ho acquistato il nuovo numero di Micromega, contiene 2 volumetti, uno dei quali é veramente interessantissimo e ben fatto, e’ un Almanacco di Scienze (l’altro si intitola l’opposizione necessaria, e parla di politica. Per chi credesse che in Italia c’e’ ancora qualche speranza, puó essere interessante). Consiglio vivamente la lettura e chiunque voglia approfondire il rapporto fra Scienza e la Morale e la Religione. I nomi degli autori sono notissimi e il valore dei contenuti rispecchia le firme in copertina. Io credo che con il tempo scienza e la possibilitá che esista un Dio o qualche cosa di simile, siano sempre meno in rotta di collisione, e piú la scienza procede, piú segreti si conoscono ma piú affascinante diventa il perché delle cose. In pratica la scenza risponde alla domanda “come?”, mentre le domande “perche?” al massimo le sposta ma non le elude. E credo che dentro ai “perche?” irrisolti e che probabilmente non si risolveranno mai, ci sia sempre spazio per vederci un Dio, o qualche cosa del genere.

Testo preso da: http://temi.repubblica.it/micromega-online/micromega-032008/

Il secondo è invece un ricchissimo Almanacco di Scienze con autori italiani e stranieri che non hanno bisogno di presentazioni. L’Almanacco si apre con un testo del più importante linguista dei nostri giorni, Noam Chomsky, che confronta, ridiscutendole, le basi della sua ricerca con il pensiero evoluzionistico.
Come nasce la fede? Ci può essere moralità senza Dio? Fede e scienza sono antitetiche? Queste solo alcune delle domande con le quali si misurano e alle quali tentano di rispondere il Premio Nobel per la Fisica, Steven Weinberg, l’astrofisico Lawrence Krauss e il neuroscienziato Vilayanur S. Ramachandran.
Edoardo Boncinelli spiega invece perché la teoria dell’evoluzione, che pur sul piano scientifico è solidissima, stenta tanto ad essere accettata e raccoglie tanti nemici specie fra chi, come ci racconta Telmo Pievani, si sente minacciato da Darwin e brandisce i “valori universali” contro il presunto nichilismo e relativismo.
Sulla progettazione e la modificazione degli organismi e i confini della scienza si confrontano Richard Dawkins, l’autore dell’Illusione di Dio, e il biologo-imprenditore J. Craig Venter.
Perché l’uomo ha bisogno di sovrannaturale, dipende dall’evoluzione, è forse un adattamento specifico con un vantaggio biologico per la specie? A questo risponde il testo del neuroscienziato Giorgio Vallortigara.
Inoltre un saggio inedito in Italia di Stephen J. Gould che parlando di Nabokov, il famosissimo autore di Lolita ma al contempo rigoroso classificatore di lepidotteri, rivendica la vicinanza fra attività scientifica e creazione artistica.

Intervallo … San Vito lo Capo …

beach_palms.jpg seaside_beach.jpg

This blog is in slow posting mode, due to holiday (but even most due to slow modem connection)! Il mare mi sta consentendo di pensare in modo distaccato a come aggredire la tesi nei prossimi mesi, a come rifondare la mia preparazione maratonistica ed a come e dove (eventualmente) passare i prossimi 4-5 anni della mia vita (se mi verranno concessi, si capisce). Nel frattempo 2 foto che ho scattato possono descrivere bene questi giorni di relax marittimo