Archive for the ‘ Foto ’ Category

Una settimana da ricordare, New York, la Maratona e l’elezione di Obama presidente!!!

La settimana a New York é stata lunga, mi é parso di stare la tantissimo tempo. Forse perché é stata piena, fra visitare la cittá, prepararsi per la Maratona, la serata di Halloween, correre la maratona. Poi godersi un pó di shopping (cosa che solitamente procrastino sempre, ma alcuni prezzi in dollari sono un vero affare). Infine le elezioni, correre con lo stemmino “Yes We Can, Obama ’09″, l’attesa a Times Square e la festa degli americani per la vittoria di Obama. Gli USA sono un paese pieno di diffetti, e molti tendono a esagerare tutto, enfatizzando comportamenti, accadimenti, tutto insomma. Nonostante questo la sera del 4 Novembre a Times Square c’era voglia di sperare in qualche cosa di nuovo, gli auguro che sia cosí, ovviamente. Certo se Obama fa il 20% di quello di cui ha parlato, resterá il presidente piú ricordato della storia degli USA.
A me rimane una settimana con un sacco di cose da ricordare con piacere, una settiman a lunga, mi é parso di stare a New York un mese intero! Salvo qui qualche foto, quelle della gara sono in un post precedente.

New York, varie

Serata delle Elezioni a Times Square, aspettando il risultato defitinivo!
E’ stato bello esserci e vivere l’atmosfera e l’emozione della gente. E’ capitato di essere a New York proprio il giorno dell’elezione presidenziale, ed abbiamo atteso a Times Square mentre arrivavano le proiezioni e conti parziali. Poi la notizia ufficiale, quando sono arrivate le proiezioni sulla California, e dopo diversi altri urli e boati per la Florida ed altri stati in bilico che stavano girando bene per Obama, il boato e la folla ha iniziato a fare tifo da stadio. Un’atmosfera incredibile sia prima e poi di festa dopo. A New York poi, stato sempre democratico, erano tutti per Obama e si tastava la voglia di uscire dagli 8 anni di Bush con un presidente che almeno dia la speranza di fare qualche cosa di diverso e migliore.

Due video di scadente qualitá girati con la mia macchina digitale, meglio di niente, di certo si capisce che era in corso una festa!!!

[display_podcast]

Maratona di New York: la mia seconda a New York e le foto!!!

La mia seconda maratona di New York é stata ancora una volta un’esperienza da consigliare, da provare e gustare. New York si conferma una maratona particolare, dura e bella, caratterizzata da un pubblico veramente entusiasmante e che regala emozioni molto forti.
La maratona in realtá inizia alle 5 di mattina, sveglia presto per andare a prendere il traghetto a sud di Manhattan. Ho tutto il tempo per svegliarmi, ma avendo quasi 5 ore prima della partenza ogni momento é buono per stare seduto e rilassarmi, inutile perdere energie fisiche e nervose. Il tempo é bellissimo, come sará tutto il giorno, fa solo freddo, 4 gradi circa, ma quello si combatte. I ferry é puntuale e veloce e ci regala anche un passaggio davanti alla statua della libertá, appena fatto giorno. A 2 ore e mezza dalla partenza sono nella mia zona, l’arancione, mi bardo contro il freddo e siedo, sorseggiando acqua e rilassandomi con della musica. Fortunatamente le mie 18 maratone mi danno un minimo di esperienza, e soprattutto avendo giá fatto New York, sono superorganizzato e non soffro il freddo per nemmeno un secondo. Incredibile vedere gente che a 2 ore e mezzo dalla partenza é poco vestita e giá non riesce a smettere di battere i denti. Mi facevano un pó pena, ma impareranno per il prossimo anno.
Il tempo scorre veloce, mi preparo a dovere mettendomi le cose per correre e sistemando tutto, é un piccolo rito, che aiuta a stare rilassato, il pezzettino di cerotto morbido sul solito dito che diventerebbe altrimenti nero, la vasellina dove va messa, i gel in tasca, guanti, occhiali, lettore mp3 se avró voglia e necessitá di un pó di carica dalla musica, pantaloni e felpa da indossare e buttare giusti prima della partenza. Le 2 bottiglie da portarsi fino alla partenza, una per sorseggiare un isotonico nell’ultima mezz’ora, una per la pipí una volta incanalati in partenza, dove non ci sará piú modo nemmeno di accostare un angolo per fare pipí.
Pronti e via ed é finalmente tempo per partire, stavolta sono nella parte sopra del ponte, tengo la destra come mi ero ripromesso, presto i top runner mi sorpasseranno nella corsia alla mia destra. Parto cauto, l’anno scorso sul ponte di Verrazzano avevo esagerato. Il miglio se ne va in 6’20″ 6’35″ se non ricordo male, un filo veloce contando la pendenza, ma di poco. Subito dopo i top mi superano, é uno spettacolo vederli, ci sono 4-5 podisti bianchi e molto giovani staccati da tutti di 30 metri, strano, ma sono sicuro che sará una cosa temporanea, impossibile non avere qualche podista di colore nel gruppo di testa a New York. Poi mi passano gli altri, Tergat, Goumri, Gomes ed altri. Vedo solo un italiano, forse Achmueller ma non sono sicuro. Sará anche la salita, ma mi é piaciuto il fatto che mi abbiano passato si, ma non cosí velocemente alla fine dei conti (mi accontento di piccole soddisfazioni).
Mi rilasso sul ritmo, ho deciso che guarderó solo ogni 3 miglia, saranno le gambe a decidere, anche se vorrei passare quanto piú vicino all’1h20 alla mezza per poi tirare fuori tutto nella seconda parte, per provare a fare il 2h39’59″, che da tempo cerco, e che a New York so essere una sfida ardua.
Le miglia passano tranquille ed i passaggi sono abbastanza regolari. Subito dopo il ponte di Verrazzano ci sono i miei 2 compagni di viaggio che mi incitano urlando e sventolando una bandiera italiana. L’unica nota se vogliamo, negativa, é il vento. Sul ponte di Verrazzano e per tutte le prime 8-10 miglia sará costante e mediamente forte, piú o meno contro ma leggermente in diagonale.
Provo a trovare gruppi con cui correre, ma sará il vento o qualche leggero saliscendi, ma spesso i gruppi di separano e ricompongono. Insomma non riesco a lavorare bene con altri, anche se comunque riesco a fare qualche miglia un minimo coperto. Al miglio 8 ci si riunisce con gli altri 2 percorsi e c’é piú gente con cui aiutarsi. Fino alla mezza corro senza problemi, affronto il ponte in cui é posizionata la mezza cercando di non spingere troppo, 1h19’48″, perfetto. Corro rilassato e inizio a godermi il supporto del pubblico che si fa man di mano piú vivo e rumoroso. Vedo il Queensboro che l’anno scorso ha voluto dire l’inizio di una lunga crisi, causata dai miei passaggi troppo veloci. Quest’anno sto correndo bene, devo solo sciogliere ogni tanto le gambe, quando le coscie sono un pó indolenzite, a causa soprattutto dei diversi ponti. “Scalo” il Queensboro tranquillo ma con passo ben ritmato, non lo voglio subire troppo, non é molto ripido ma di certo é lungo, piú di 1 miglio di salita, poi si scende guadualmente. Ricordo bene questo punto, inizio ancora una volta a sentire la folla da qualche centinaia di metri, é un’emozione difficile da descrivere, ogni podista che svolta di 180 gradi alla fine del Queensboro bridge entra nella first avenue e si prende un vero e proprio boato dalla tantissima gente che é in quel punto. Io non faccio eccezione ed oltre al supporto che c’é per tutti mi prendo le speciali urla di chi riconosce la maglietta dell’Italia ma anche di chi vede l’adesivo che mi avevano dato fuori dall’Expo, con scritto “Yes We Can, Obama ’09″! In centinaia lungo il percorso mi hanno urlato “Yes We Can” meritandosi da me in cambio, un bel pollice verso l’alto. La first avenue é un continuo controllo dall’adrenalina, la gente ti sospinge ma tu non puoi fare cavolate, mancano poco meno di 10 miglia alla fine, insomma ancora 15 lunghi chilometri.
Per questa maratona ho comprato i Gel Gu, consigliati come ottimi da diversa gente, e facili da trovare negli stati uniti. Ne ho usati 3 e mi sono trovato bene. Dopo 55′ circa, dopo 1h40′ e l’ultima a circa 2h10 di corsa. I ristori sono frequentissimi, ci sono solo bicchieri ma basta avendo la possibilitá di bere un sorso ad ogni miglio. Ho anche bevuto poco, era freddo ed evidentemente sudando meno del solito ho avuto anche meno sete del normale. La mia tabella di marcia continuava, ma nei blocchi di 3 miglia dal 15 al 18 e dal 18 al 21 ho perso qualche secondo importante. Mentalmente é stato un pó pensate, sapevo che stava sfumando il mio obiettivo under 2h40′. Fortunatamente ho avuto la capacitá di rimandere concentrato sul momento, sulla strada che avevo davanti, sul correre bene fino alla prossima svolta e cosi via. Ho un pó scacciato l’atmosfera da crisi, sia sciogliendo le gambe in discesa, per riavere quella sensazione di gambe piú leggere, sia raccogliendo le energie stando rilassato. Come sempre tanti pensieri passano per la testa, ed a New York tutto questo é amplificato incredibilmente dal supporto della gente. Fra le urla per la maglia dell’Italia e gli “Yes We Can” della gente, non ho fatto un metro da solo, ero sempre spinto a tenere duro da chi era sul percorso. Arrivati al Bronkx c’é una sorta di svolta, si approccia il ponte per rientrare a Manhattan e sono 21 miglia. Il passaggio di 3 miglia da 18 a 21 é stato discreto, ho tenuto il ritmo e questo mi da fiducia. Ora i km sono sempre piú duri, continui saliscendi, anche corti che dalla mappa di altimetria non si vedono, ma che su gambe giá stanche spaccano il ritmo e non ti danno mai tregua. Estraggo il lettore mp3, deciso a farmi 4-5 miglia “sotto carica” da musica. Mi cade il Gel, 4-5 metri a ritroso e lo recupero, per fortuna nel chinarmi non partono crampi (mai piegare le ginocchia per fare queste operazione, sempre a gambe tese). Inforco il lettore e mi gusto la carica della musica che uso solitamente per correre. Ora si punta a central park, 5 miglia (poco meno di 10km), una piccola gara nella gara. Ho la sensazione di avere le gambe per spingere fino alla fine. So che ho perso 2’30″ circa dalla mia tabella di marcia e quindi l’under 2h40 é praticamente impossibile da recuperare, ma sono determinato a spremere ogni secondo.
La folla riaumenta sulla fifth avenue, ma anche i saliscendi. Finalmente si entra a cetral park, e si avvicina il mio ultimo split da 3 miglia. Miglio 21-24, ancora ad un ritmo discreto, contando anche i saliscendi sono contento che le gambe reggano. Ora é solo questione di tenere duro, tengo un ritmo discreto e mi godo la musica ed il supporto della gente. C’é sempre tempo per tanti pensieri e soprattutto penso a mia nonna, morta solo 3 settimane fa, e mi piacerebbe mi potesse vedere e mi potesse urlare qualche cosa anche lei. Al cartello dell’ultimo miglio passo un ragazzo che avevo visto sul percorso, italiano con scritto Rimini sul retro, lo incito a non mollare mentre lo passo e ci stringiamo la mano al volo. Finalmente si esce da Central Park, ho proprio voglia di arrivare, le ultime salitelle hanno reso le gambe piú contratte, e non c’é piú tempo per sciogliere. Il rettilineo che finisce a Culumbus Circle é bello, senti l’odore dell’arrivo, lo inizi a pregustare. Manca 1km circa. Qui ci sono ancora i miei compagni di viaggio, non li vedo ma loro mi fanno una foto, sfuocata ma comunque carina (Cristina dice un pó futurista, ed effettivamente un pó forse lo é).
Curvo sotto Culumbus Circle e rientro a Central Park. Un occhio all’orologio e forse ma forse posso staccare un under 2h43, ed inizio a spingere. Metto su una bella falcata, passo diversi podisti. L’ultima asperitá, 60 metri circa di salita, e poi altri 50-100 metri e l’arrivo. A 2h42’45″ mi rendo conto che é impossibile fare l’under 2h43 e perdo un filo di smalto nello sprint. Finisco in 2h43’20″, e giá passando il traguardo ho il sentore che la soddisfazione per questa gara sará maggiore della delusione per non avere fatto un under 2h40. Avró poi conferma di questo nelle ore e giorni dopo, sono sicuramente soddisfatto della prestazione. Potevo limare qualche cosa, e forse con un filo di forza mentale in piú fra le miglia 15-21, avrei potuto tenere un ritmo che mi avrebbe permesso di perdere un minutino in meno. Le altre cose sono un pó piú fuori controllo, soprattutto non sono stato in grado di lavorare con altri gruppi, che anche mi avrebbe sicuramente potuto regalare un minutino se non di piú. Comunque ogni gara fa storia a se, e se non ho dato il 100% ci sono andato molto vicino, ne ho conferma con i battiti medi. Ho corso ad una media di 152 battiti, con il mio battito massimo di 171, direi che mi sono spremuto a dovere.
New York si conferma una maratona da fare, particolare e speciale, la consiglio vivamente a tutti.
L’anno scorso mi ero autodichiarato sconfitto, New York 1 – Simone 0! Quest’anno non ne esco vincitore, il mio obiettivo non l’ho ottenuto, ma mi sono sentito come nell’avere strappato un pareggio in zona cesarini, tenendo duro anche quando ho calato un pó, e nonostante l’obiettivo sfumasse sono riuscito a spremermi a dovere nel finale. Quindi direi un pareggio, il che vuol dire che sono ancora sotto, diciamo New York 2 – Simone 1 … la sfida continua :)

Molto veloce ed efficiente il servizio foto dell’organizzazione di New York, quest’anno ne hanno sfornate un’infinitá.

New York Marathon:dura e bella come previsto

Sapevo che sarebbe stata dura e come al solito viverla é spesso piú dura di quello che ci si aspetta, salite e ponti sapevo che c’erano ma i continui falsipiani li si dimenticano dall’anno prima. 2h43’20″ il tempo finale, e nonostante il mio obiettivo fosse il 2h39’59″ sono contento, tutto considerato. Ho provato a fare il giusto ritmo piú a lungo possibile ma ho avuto un paio di momenti duri in cui ho perso i secondi che mi hanno allontanato dall’obiettivo. Ho forse speso un filo piu del dovuto per un costante vento contro nelle prime 8-9 miglia circa, ma ho anche realizzato che oggi ho dato quello che avevo. 2h39’59″ oggi forse non era alla mia portata. Non sono riuscito a lavorare quasi per niente in gruppo con altri, cosa che mi avrebbe certamente potuto regalare 1-2 minuti, ma credo che New York sia poco adatta, i continui cambiamenti fra ponti e saliscendi fanno si che podisti diversi cambino ritmo e i gruppi si spezzino in continuazione. Scriveró molto probabilmente il mio solito raccontino a mia memoria ma anche oggi New York mi ha regalato molte forti emozioni, il pubblico é incredibile, e quest’anno é stato anche meglio, essendo arrivato con un passo discreto fino alla fine, mentre l’anno scorso avevo patito una crisi precoce dovuta al mia sbagliata gestione del ritmo.
Il ritmo costante (a parte i pezzi dove ho forse psicologicamente leggermente mollato e perso 1-2 minuti) e la media di 152 battiti mi fanno comunque pensare di avere fatto una buona gara, in cui pochi erano le cose migliorabili, quantomeno oggi. La sfida con New York resta aperta, sono sempre sotto di 1, dopo la sconfitta del 2007, direi che oggi ho strappato un pareggio in zona cesarini, tenendo duro nelle ultime miglia.

Grazie ai miei compagni di viaggio ho anche una foto fresca fresca, é venuta sfuocata perché mi hann visto all’ultimo momento, ma non é cosi brutta, almeno riprende la dinamica della corsa in qualche modo. Li stavo guardando Culumbus Circle e aumentando per finire il crescendo, circa 1km dall’arrivo o poco meno!
Aggiungo anche 2 foto fatte poco dopo la gara, con Strada e la terza con anche Gara, il terzo della spedizione.

ny08_mara1.JPG ny08_mara2.JPG ny08_mara3.JPG

Metto sotto i passatti presi dall’organizzazione, io ho nel mio orologio quelli ogni 3 miglia. Il sistema di pubblicazione ha funzionato ma a metá, infatti sono stati pubblicati circa 2000 messaggi, che ho provveduto a cancellare (Wind grazie per la segnalazione, cancellando i messaggi sono spariti i tuoi due commenti che mi avvisavano della cosa).

Location Time Pace/mile
5km 0:18:59 6:06
10km 0:37:53 6:05
15km 0:56:46 6:05
20km 1:15:42 6:05
Half 1:19:48 6:05
25km 1:35:14 6:07
Mile 16 1:39:08 6:11
Mile 17 1:44:15 6:07
Mile 18 1:50:19 6:07
30km 1:54:13 6:07
Mile 19 1:56:29 6:07
Mile 20 2:02:57 6:08
Mile 21 2:09:27 6:09
35km 2:14:33 6:11
Mile 22 2:16:00 6:10
Mile 23 2:22:23 6:11
Mile 24 2:29:15 6:13
40km 2:34:43 6:13
Mile 25 2:35:39 6:13
Mile 26 2:42:03 6:13
Finish 2:43:20 6:13

Godersi New York

Ci stiamo godendo New York con i compagni di viaggio, dopo lo sfasamento del viaggio, stanotte 12 ore di sonno dal pomeriggio alla mattinata presto ci stiamo ripigliano. Cosa utile soprattutto per me che correro’ la maratona. Stamattina secondo giorno, uscire cosi presto, quando ancora non c’era luce e’ stato bello. Bella atmosfera della citta’ che si sveglia, valanghe di podisti (quasi tutti italiani) che andavano a fare una sgambata a Central Park. Oggi pomeriggio sara’ anche il mio turno, ci sta tutta, prima della gara di Domenica. Sabato camminero’ e basta!!! Abbiamo gia’ fatto un sacco di foto, ne metto una venuta bene e 3-4 sia dall’expo che dall’Empire State Building che riprende il Queensboro Bridge, punto importante sul percorso della Maratona.

pa290059.JPG pa290016.JPG
pa290036.JPG pa290087.JPG
pa290038.JPG

Qualche foto dalla Maratona di Berlino

Alcune sono venute bene, in molte come sempre la faccia é improponibile, ma tutto sommato la Canotta del CF Trust direi che mi stava decentemente bene.

Maratona di Berlino: curiosando su FlickR

…come mio solito mi salveró in questo blog a mia futura memoria una sorta di racconto della mia maratona, nel frattempo curiosando su Flickr é saltata fuori una foto di un mio passaggio, purtroppo un pó sfuocata, ma cosi, me la salvo sempre per ricordo!

berlin_10h28_16.jpg

update: ho trovato pure Adriele, grazie al nome del file che indica il tempo ho capito a che km eravamo, piu o meno e li Adriele aveva ancora 1′ esatto di vantaggio, non a caso esattamente come la durata del mio stop al km 19. Adriele é in bianco con la bandana arancione.

berlin_10h27_16.jpg

Mezza di Dublino: giusto qualche foto

Visto che c’era il sole le foto sono venute abbastanza bene, sicuramente la mia canottiera fornita dal Charity per Berlino ha fatto il suo dovere, credo che mi vedranno da km di distanza, visto il Giallo Vivo a bordi rossi.

dubhalf08_1.jpg dubhalf08_2.jpg dubhalf08_3.jpg
dubhalf08_4.jpg dubhalf08_5.jpg dubhalf08_6.jpg
dubhalf08_7.jpg dubhalf08_8.jpg

London: a few pictures

I spent a nice weekend in London, it is a city that worth visit, and where I could live for a while, let see if the future will bring me there

london1_4.jpg london2_4.jpg london3_4.jpg london4_4.jpg

Passatore Dreaming: 100km del passatore, una corsa, un mito … un sogno

Domani alle 3 del pomeriggio, partirá la 36 esima edizione della 100km del Passatore. Oramai piú un mito che una gara, da qualche anno nella mia testa, ma che ancora non ho voluto nemmeno provare a preparare, ma prima o poi spero di avere la fortuna di prepararla a dovere, e di potere partecipare.

1090416910_9e8383fc4b_o.jpg

Video dell’anno scorso: 2007

Una bel racconto di un passatore corso da un ragazzo del 1954!

Un altro racconto del passatore di Sara!

ps: in bocca al lupo a tutti i partecipanti, sicuramente ci sará l’oramai ultramaratoneta Andrea, ma spero anche che l’ironman Lucio abbia deciso di andare.

Intervallo … San Vito lo Capo …

beach_palms.jpg seaside_beach.jpg

This blog is in slow posting mode, due to holiday (but even most due to slow modem connection)! Il mare mi sta consentendo di pensare in modo distaccato a come aggredire la tesi nei prossimi mesi, a come rifondare la mia preparazione maratonistica ed a come e dove (eventualmente) passare i prossimi 4-5 anni della mia vita (se mi verranno concessi, si capisce). Nel frattempo 2 foto che ho scattato possono descrivere bene questi giorni di relax marittimo